Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sgarbi: "Difendere la sacralità del paesaggio della Tuscia contro lo stupro delle rinnovabili"

Vittorio Sgarbi si scaglia duramente contro l'installazione di impianti di energie rinnovabili nella Tuscia. "Bisogna difendere la sacralità del paesaggio della Tuscia contro lo stupro delle energie rinnovabili", attacca il sindaco di Nepi, facendo riferimento a "pale eoliche" e agli "ettari di pannelli fotovoltaici" che "distruggono il paesaggio in maniera irreversibile". "La costituzione impone la difesa del paesaggio, che è qualcosa di sacro", ricorda il parlamentare in un video girato mentre è in auto riferendosi al dibattito in corso sull'installazione degli impianti nella Tuscia, che potrebbe mettere a rischio anche il riconoscimento Unesco per un borgo come Civita di Bagnoregio. "Le rinnovabili sono il futuro? No, le rinnovabili sono la mafia", tuona Sgarbi. "Distruggono la bellezza per sempre, come fatto in Puglia e Sicilia. Dietro c'è solo la volontà di fare affari, miliardi. L'antimafia vera è difendere il paesaggio e la costituzione, altro che il futuro!"