A Napoli mostra di pittura tedesca su Berlino prima e dopo Muro

A Palazzo Zevallos, sede Gallerie d'Italia di Intesa Sanpaolo

12.10.2019 - 08:30

0

Napoli, 12 ott. (askanews) - Dopo New York e Londra, a Napoli arriva Berlino. Dal 12 ottobre al 19 gennaio prossimo, sarà aperta al pubblico, presso le Gallerie d'Italia di Intesa Sanpaolo a Palazzo Zevallos Stigliano, l'esposizione "Berlin 1989. La pittura in Germania prima e dopo il Muro", a cura di Luca Beatrice. Dopo "Le mille luci di New York" nel 2017 e "London Shadow" nel 2018, "Berlin 1989" chiude il trittico di mostre dedicate alle grandi città che, sul finire del 900, hanno cambiato la storia dell arte.

In un percorso di 21 opere, realizzate tra il 1972 e il 2003, in prestito da gallerie e collezioni private, "Berlin 1989" presenta capolavori dei più importanti pittori tedeschi del dopoguerra (tra cui Georg Baselitz, Sigmar Polke, Gerhard Richter, Anselm Kiefer e Albert Oehlen) e consente un immersione nell energica Berlino di fine Novecento dove prende vita una pittura che interpreta lo spirito del tempo e usa un linguaggio libero, irruente spiega il critico d'arte Luca Beatrice.

"Dopo New York e Londra, Berlino e non poteva essere altrimenti - ha spiegato il critico d arte Luca Beatrice - . Sono trascorsi 30 anni dalla caduta del Muro e, con questa mostra, si va a recuperare il senso di una città che ha sempre un energia straordinaria ed un polo di attrazione per i giovani di tutto il mondo, in particolare adesso. Una città dove la pittura ha dato il senso a una generazione di 20enni e 30enni che volevano cambiare la storia prima che la storia cambiasse davvero".

Michele Coppola, direttore centrale Arte, cultura e beni storici di Intesa Sanpaolo sottolinea la centralità di Napoli. "Gallerie d'Italia di Napoli sono, più volte all anno, un occasione di promozione della città non soltanto in Italia, ma nel mondo intero. Oggi - ha spiegato Michele Coppola, direttore centrale Arte, cultura e beni storici di Intesa Sanpaolo - presentiamo il rapporto tra la città di Napoli, i collezionisti e i galleristi partenopei e la città di Berlino, dopo aver raccontato il legame di Napoli, con Londra e con New York". "Mi piace evidenziare il ruolo che questa città ha avuto nella promozione dell arte e cultura nella costruzione di un ruolo italiano, in Europa e nel mondo. Credo che questo - ha proseguito - sia il modo migliore per un museo di raccontare l importanza e la centralità di una comunità attraverso i legami internazionali con gli artisti, con i musei e con le realtà più importanti.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Franceschini: "La Festa del Cinema di Roma fa crescere il cinema italiano"

Franceschini: "La Festa del Cinema di Roma fa crescere il cinema italiano"

(Agenzia Vista) Roma, 17 ottobre 2019 Franceschini: "La Festa del Cinema di Roma fa crescere il cinema italiano" "La Festa del Cinema di Roma fa crescere il cinema italiano". Così il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali Dario Franceschini sul red carpet della 14esima Festa del Cinema di Roma. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it

 
Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

Cultura

Caffeina, divorzio da Viterbo: il Christmas Village emigra

''Non ci sono le condizioni per fare il Christmas Village a Viterbo anche per il 2019". Caffeina prende cappello e va in esilio. Il presidente della Fondazione Carlo Rovelli, ...

08.09.2019

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

SUTRI

Francesca Lotta vince il premio dedicato a Mia Martini

La splendida voce di Sutri, quella di Francesca Lotta, ha vinto la quinta edizione del Premio “Mimi Sarà” per la categoria over 40. La finale si è svolta domenica scorsa a ...

05.09.2019

Santa Rosa

PILASTRO

Il trasporto
della Minimacchina

Il trasporto della Minimacchina di Santa Barbara

25.08.2019