Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Tuscania al tappetonell'ultima amichevole

Tuscania e Livorno insieme

Alessio Deparri
  • a
  • a
  • a

Termina con una sconfitta la pre-season della Maury's Italiana Assicurazioni Tuscania superata 1/3 al palazzetto dell'Olivo dalla Acqua Fonteviva Apuana Livorno, squadra dell'ex coach Paolo Montagnani. Di fronte a spalti ancora una volta gremiti, capitan Pierlorenzo Buzzelli e compagni hanno comunque giocato una buona gara, la terza in una settimana, caratterizzata però da qualche nervosismo di troppo, con alcuni ragazzi tenuti a riposo a scopo precauzionale. Il Livorno, con l'ex Danilo De Santis, tuscanese doc, è apparsa più determinata e pronta a capitalizzare ogni singola distrazione del sestetto tuscanese. "E' stata una partita importante vista anche la qualità della squadra avversaria -dirà il coach bianco azzurro Bruno Morganti negli spogliatoi. Siamo partiti molto bene il primo set anche se abbiamo perso 28/30, poi abbiamo fatto un ottimo secondo parziale per poi calare un pochino anche se poi il quarto set è stato comunque combattuto. Quella che è mancata, da quello che i dati dicono, è sicuramente stata la fase di cambio palla, nel senso che abbiamo avuto un po' di difficoltà nella fase di ricezione/attacco mentre a muro siamo andati bene e anche tutto sommato nella gestione complessiva degli errori. C'è stato qualche nervosismo di troppo che ha pregiudicato un po' anche alcune scelte individuali; dobbiamo essere un pochino più sereni e attenti a quelle che sono le nostre cose, cercare insomma quel saltino di qualità che ogni partita cerchiamo di fare. Dal punto di vista degli impegni è stata la terza partita in una settimana e, soprattutto, abbiamo tenuto fuori un paio di elementi a scopo precauzionale e la squadra è risultata sicuramente più corta. Però nessun tipo di problema, i ragazzi stanno bene, c'è un pochino di stanchezza ma per domenica saremo al massimo". A Paolo Montagnani abbiamo chiesto come è stato il suo ritorno a Tuscania: "Ovviamente emozionato, ho salutato molto volentieri tutti gli appassionati, i dirigenti, il presidente Angelo Pieri, alcuni giocatori, in ogni caso sarebbe stata una bella giornata per me". "Sono contento di aver fatto questa partita -continua il coach toscano- perché secondo me il Tuscania è una squadra forte, ci ha impegnato mettendo in evidenza quello su cui dobbiamo ancora lavorare e migliorare, quando metterà dentro tutti gli effettivi Tuscania sarà ancora più forte. Anche noi abbiamo avuto fuori un giocatore importante, quindi diciamo che in questo clima di squadre imperfette, ancora incomplete, è stata una buona partita, noi abbiamo fatto decisamente bene alcune cose, su altre mi sono anche abbastanza arrabbiato però insomma cominceremo il campionato così a questo livello perché non penso che in una settimana si possa migliorare di tantissimo”. Livorno e Tuscania sono due squadre molto giovani con notevoli margini di miglioramento. "Assolutamente sì, me ne accorgo quotidianamente perché i ragazzi si allenano tanto e si possono allenare tanto e questo vuol dire che se tutto è fornito loro nella giusta maniera questi ragazzi migliorano; ci sono alcuni che hanno avvenire, un avvenire fisico e caratteriale e possono veramente ricavarsi carriere importanti, sicuramente a Tuscania, qualcuno anche da noi, e quindi hanno una chance. Sia noi che Tuscania abbiamo dei gioiellini che dobbiamo far crescere, a cui dobbiamo offrire la possibilità di diventare dei bravi, ottimi, grandi giocatori".