Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, trasporto pubblico. A rischio i soldi del Pnrr per la ferrovia Roma Nord

  • a
  • a
  • a

A rischio i finanziamenti per l’ammodernamento della Roma Nord. Colpa dei progetti che non sono stati ancora presentati. A dare l’allarme è stato nei giorni scorsi il ministero dei Trasporti e delle infrastrutture e riguarda complessivamente 8 miliardi di euro – fondi del Pnrr - destinati a 42 opere strategiche (tra cui appunto le due ferrovie ex concesse Roma-Civita Castellana-Viterbo e Roma Lido) più altri 2 miliardi per interventi di minore importanza. Soldi che potrebbero evaporare se non verranno prorogati i termini per presentare i progetti.

 

 

A questo proposito, secondo quanto riportano le agenzie di stampa, il ministro Matteo Salvini sarebbe al lavoro insieme ai tecnici per varare nei prossimi giorni una norma “sblocca-lavori” sul modello di quella da poco approvata dal Consiglio dei ministri per la Gronda di Genova. L’obiettivo è evitare il cosiddetto definanziamento per “mancata assunzione delle obbligazioni giuridicamente vincolanti”. 
Piove sul bagnato dunque. Per la Roma Nord si tratta infatti del periodo più buio di sempre, almeno stando alla contabilità quotidiana delle corse soppresse e alle continue denunce dei pendolari. 

 

La cura Cotral – che dall’estate scorsa ha acquisito insieme ad Astral il controllo della tratta dopo anni di (mala) gestione targata Atac – non solo finora non si è sentita ma addirittura la situazione è peggiorata. Tanto che i pendolari, dopo un recente e infruttuoso incontro con la dirigenza della società regionale, stanno preparando l’ennesima mobilitazione sotto le sedi della Regione e della stessa Cotral dichiarando ormai abbondantemente colmo il vaso della sopportazione.

 

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 22 NOVEMBRE (Edicola digitale)