Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, ex Terme Inps. La proposta di Pelliccia: "Va bene per un centro riabilitativo"

Andrea Tognotti
  • a
  • a
  • a

Per ora è solo un’idea. Potrebbe diventare un progetto tra qualche mese, quando la nuova giunta del Lazio esaminerà le proposte di lavori pubblici da mettere in cantiere. Tra queste ci sarà l’ipotesi di Paolo Pelliccia di adibire le Terme Inps a centro riabilitativo ortopedico; una vasca che sia di supporto ai convalescenti per il recupero della mobilità dopo eventi traumatici o la cura di patologie degenerative.

 

Il commissario straordinario della biblioteca consorziale di Viterbo conosce il problema un po’ perché lo vive su di sé, un po’ perché si è trovato a dare consigli, purtroppo inascoltati, a Bernardo Bertolucci, di cui è stato amico, quando il regista di Novecento e di altri capolavori della cinematografia italiana ha dovuto convivere con una patologia invalidante. E anche perché dalla lettura di una recente intervista ad Alessandro Haber, l’attore teatrale costretto da mesi in carrozzina, ha ricavato ulteriori spunti di riflessione e motivazioni per portare avanti la sua suggestione.

 

Ne ha parlato con chi di dovere. Compreso l’assessore Stefano Floris, che ha tra le sue deleghe il Termalismo e i Lavori pubblici. Senza sbilanciarsi, almeno per ora, Floris ha tuttavia incluso la proposta di Pelliccia tra quelle sottoposte ai tecnici regionali nell’ambito del tavolo tra il Comune di Viterbo e la Regione Lazio, che dovrà decidere la strada da intraprendere per dare nuova vita alla struttura termale.

 

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 22 NOVEMBRE (Edicola digitale)