Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Zucchi (Aci) contro la sindaca: "Buche sulle strade e traffico paralizzato Frontini si nega”

P. D.
  • a
  • a
  • a

Strade piene di buche, segnali stradali vecchi, monopattini pericolosi, traffico paralizzato sulla Cassia Nord e il ritorno della Mille Miglia in città. Ecco il conto presentato dall’Aci alla sindaca Chiara Frontini. Dopo due richieste di incontro con la prima cittadina andate a vuoto è il presidente dell’Automobile club Viterbo, Sandro Zucchi, tra l’altro ex assessore comunale, a uscire allo scoperto e a chiedere all’amministrazione di affrontare e risolvere i problemi sul tavolo.

 

Il primo, quello più impellente, “è lo stato di abbandono e di pericolosità della stragrande maggioranza delle strade comunali - sottolinea Zucchi -, per la presenza di buche e rattoppi che costringono gli automobilisti ad effettuare manovre pericolose per evitarli, senza considerare le spese aggiuntive per riparare pneumatici e cerchi danneggiati”. C’è poi la segnaletica stradale ormai datata, “che non corrisponde più alle esigenze degli automobilisti e, nel caso di strisce pedonali ormai invisibili mette a rischio anche i pedoni”. E, a proposito di rischi e pericoli, l’oscar va a chi si muove sui monopattini: “In città circolano senza alcun riguardo per le norme del Codice della strada, viaggiando contromano e non rispettando i segnali semaforici. Proprio per questo - prosegue Zucchi rivolgendosi a Frontini -, le ricordo le ordinanze emesse da molti suoi colleghi sindaci, che obbligano l’uso del casco, l’osservanza delle norme di legge e l’assicurazione contro terzi”. Altro punto dolente portato all’attenzione dall’Aci è quello della viabilità nel quadrante nord nella città. “Si aggrava sempre di più durante le festività natalizie, con automobilisti costretti a code interminabili per percorrere poche centinaia di metri sia in entrata che in uscita dalla città, per cui mi permetta di suggerirle la presenza di vigili urbani, che coordinino la viabilità a seconda degli intasamenti. L’Aci, a tal proposito, si occupa anche di info-mobilità del traffico con il progetto Luce verde, che sarei venuto volentieri a proporle, visto che è già attivo, con successo, in molti altri centri d’Italia e soprattutto è gratuito per la città di Viterbo”.

 

Capitolo Mille Miglia, che quest’anno ha solo sfiorato il capoluogo: “Se il Comune non manifesterà alcun interesse anche nel 2023 passerà oltre, senza effettuare il tradizionale trentennale controllo a timbro a piazza del Plebiscito, privando così i viterbesi di uno spettacolo unico al mondo”. “Per ultimo avrei voluto proporle la manifestazione Karting in piazza, che coinvolgerebbe gli alunni di molte primarie, con la guida di kart elettrici su circuito temporaneo chiuso, assistititi da istruttori qualificati. Anche questo evento, della durata di tre giorni, è gratuito. Sono consapevole dei suoi molteplici impegni - conclude Zucchi - ma, come rappresentante di un Ente pubblico mi sarei aspettato altra considerazione. Perdurando questo immotivato silenzio, necessariamente l’Aci di Viterbo si rivolgerà, per il futuro, ad altri Comuni della provincia per la realizzazione di tutte le nostre iniziative istituzionali e sociali”.