Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, mercatino di Natale. E' il giorno della verità: nuovo vertice tra Comune e ambulanti

Alessio De Parri
  • a
  • a
  • a

Oggi lunedì 21 novembre si decide il destino del Mercatino di Natale. In Comune, infatti, è in programma una nuova riunione tra la sindaca Chiara Frontini, gli assessori al commercio, Silvio Franco, all’urbanistica, Emanuele Aronne, e una delegazione degli ambulanti del Consorzio di Natale.

 

Vertice decisivo per conoscere la graduatoria delle 16 domande inviate a Palazzo dei Priori e, soprattutto, per capire se gli ambulanti viterbesi - decisi a disertare l’evento che si terrà in via Marconi dall’8 dicembre al 6 gennaio -, daranno seguito alle loro intenzioni. Ad oggi, infatti, sarebbero appena due gli operatori che hanno scelto in ogni caso di aprire le loro bancarelle nella nuova location. La stragrande maggioranza, invece, sarebbe pronta a tirarsi indietro. Questo è quanto gli stessi ambulanti hanno ribadito giovedì scorso alla sindaca e agli altri amministratori nel corso dell’ultimo incontro che si è tenuto in Comune.

 

Una decina gli operatori presenti, che dopo aver ascoltato le regioni del Comune - blindato sulla scelta di via Marconi da un bando già emesso e i cui termini sono stati ulteriormente prorogati per consentire il maggior numero possibile di richieste -, hanno fatto presente ancora una volta quanto ribadito in diverse altre occasioni, anche attraverso le colonne di questo giornale: che la soluzione via Marconi non piace e sono pronti a ritirarsi in massa. I motivi sono molteplici, in primis la difficoltà a lavorare, sperimentata da molti in occasione degli eventi passati, quando alcune bancarelle erano state installate in piazza della Repubblica, dove faticarono non poco a vendere. Nessuno degli ambulanti ad oggi se l’è ancora sentita di acquistare la merce e di tuffarsi in questa nuova avventura, visto che c’è la seria possibilità di rimetterci. Se così fosse il Mercatino di Natale rischia seriamente di essere notevolmente ridimensionato, ben al di sotto delle nove bancarelle presenti nella passata edizione in piazza dei Caduti.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 21 NOVEMBRE (Edicola digitale)