Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, violenza sessuale su minore. Abusi sulla nipotina, nonno alla sbarra

Abusi su un bambino di appena sette anni

Valeria Terranova
  • a
  • a
  • a

È ripreso in settimana il processo a un sessantenne, residente in un piccolo centro della provincia, accusato di aver abusato della nipote appena undicenne. Il nonno della ragazzina, sfruttando i momenti in cui era da solo con la nipotina, figlia del proprio figlio, l’avrebbe obbligata ad approcci sessuali, costringendola con violenza a subire ripetutamente palpeggiamenti nelle parti intime. 
Stando al capo di imputazione “in più circostanze, l’uomo avrebbe approfittato della piccola “abusando della condizione di inferiorità psichica, correlata all’età e al legame di discendenza”. 

 

I fatti si sarebbero consumati in un centro della provincia. La vicenda giudiziaria risale a settembre 2020, quando il pubblico ministero Michele Adragna, titolare del fascicolo, presentò l’istanza di giudizio immediato nei confronti dell’uomo. Istanza che fu accolta dal gip Savina Poli, in sede di indagini preliminari che a luglio 2021 dispose il decreto nei riguardi del 60enne che fu sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. Il dibattimento entrò nel vivo a maggio dello scorso anno. 
L’imputato che deve rispondere del reato di violenza sessuale, il quale avrebbe approfittato dunque della condizione di inferiorità psichica relativa all’età della piccola, è rappresentato dall’avvocato Luca Nisi. Invece, per la parte offesa, si costituì parte civile la madre della minorenne, la quale è assistita dall’avvocato Remigio Sicilia. La vittima nel frattempo è stata già ascoltata in modalità protetta come richiesto dal difensore di parte civile. 

 

 

L’udienza che si è celebrata mercoledì pomeriggio davanti al collegio del Tribunale di Viterbo rigorosamente a porte chiuse è stata dedicata alle testimonianze dei parenti della bimba e dell’imputato.  Il dibattimento riprenderà a febbraio 2023. La sentenza di primo grado è dunque prevista per i mesi successivi.