Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Denuncia dell'Usb: "Ferrovie, Rfi licenzia i lavoratori che chiedono sicurezza”

  • a
  • a
  • a

Due casi diversi, successi a poca distanza l’uno dall’altro con due lavoratori che hanno perso il posto di lavoro. A raccontare gli episodi la Usb Ferrovie. “Mercoledì 21 settembre scorso la dirigenza Rfi Doit Roma ha licenziato in tronco un lavoratore del nucleo manutentivo armamento di Viterbo; un licenziamento brutale, senza preavviso, basato su una contestazione disciplinare consegnata 8 mesi dopo i fatti imputati. Un provvedimento disciplinare gravissimo e enormemente sproporzionato rispetto a qualsiasi valutazione si volesse fare degli stessi fatti così tardivamente contestati, rispetto ai quali comunque il lavoratore ha fornito sensati e puntuali argomenti di chiarimento a sua discolpa; e a discolpa dei colleghi coinvolti nei fatti medesimi che sono stati sanzionati con pene più “lievi” a colpi di 8 e 10 giorni di sospensione: chiarimenti che sono stati completamente e ignobilmente ignorati. Un atto gravissimo - sottolinea il sindacato -, strumentale e intimidatorio, che segue di qualche mese quello altrettanto brutale e strumentale dell’apprendista dello stesso impianto di Viterbo, nel marzo scorso, e che ha tutta l’aria di una ritorsione verso quei lavoratori che alcuni mesi fa avevano richiesto ai loro rappresentanti sindacali di intervenire su certi casi di mancata sicurezza sul lavoro e sulle pretese aziendali di agire liberamente, quando nei mesi scorsi non aveva a disposizione gli accordi territoriali poi firmati nel passato agosto”.
“Un caso disciplinare che sembra costruito ad arte per colpire duro su uno e mandare a tutti i lavoratori del settore un messaggio chiaro: niente opposizione sindacale o scatta la più bruta repressione disciplinare” attacca l’Usb.
“Nello stesso tempo la stessa dirigenza della Doit Roma perde la causa in tribunale dove aveva trascinato un lavoratore della manutenzione infrastrutture dopo averlo sospeso per ben due volte a distanza di un anno, contestandogli alcuni interventi per la sicurezza sul lavoro verso le imprese appaltatrici: una piccola ma importante notizia per tutti i lavoratori. Anche per questa nuova gravissima azione della dirigenza -attacca l’Usb - metteremo a disposizione tutte le risorse della nostra organizzazione per la tutela legale e sindacale del lavoratore di Viterbo ingiustamente licenziato”.
Poi l’invito. “Un accorato invito lo rivolgiamo invece a tutti i lavoratori, ai loro rappresentanti, e a tutti i sindacati regionali e nazionali di settore, a svolgere senza esitazioni ogni azione di responsabilità, nelle rispettive facoltà soggettive, a contrasto di questo atto repressivo aziendale, per la rivendicazione dell’annullamento del gravissimo provvedimento disciplinare e il reintegro immediato del lavoratore di Viterbo ingiustamente e ignobilmente licenziato dal management della Doit Roma”.