Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, caro bollette manda in crisi le piscine. Molte società sono costrette a fermarsi

Daniela Venanzi
  • a
  • a
  • a

Il caro bollette sta mettendo a dura prova le società sportive, soprattutto quelle al cui interno è presente anche la piscina. Qualche associazione ha già deciso di non riaprire. E’ successo nei giorni scorsi a Montalto di Castro. Altre stringono i denti nella speranza che il nuovo Governo provi a dare risposte concrete. Ma c’è anche chi ha deciso di dire basta.

Dimensione nuoto di Vitorchiano, ad esempio, non ci pensa proprio a riaprire: “Il nostro è un centro polivalente - spiega Federico Ferrari, il responsabile - abbiamo deciso di rimanere aperti per la parte fitness e sala pesi ma non per il nuoto. La piscina per ora resta chiusa. Il futuro resta incerto, di sicuro ci sono le bollette, basta paragonare il mese di agosto dell’anno scorso, in cui abbiamo pagato 1.400 euro, a quello di quest’anno dove siamo arrivati a 5.400. In previsione dell’accensione del riscaldamento durante l’inverno e la maggiore spesa elettrica abbiamo dedotto che la spesa non poteva essere affrontata. Resta improponibile dare un servizio a queste condizioni. Crediamo ormai di riaprire a fine maggio a meno di un intervento massiccio da parte del governo, i piccoli ristori eventuali non ci porrebbero comunque nelle condizioni di aprire la piscina”.

 

Anche la piscina in strada Castiglione Mgm di Viterbo si trova nelle condizioni di dover affrontare una crisi dura ma la decisione è quella ci provarci lo stesso: “Intendiamo andare avanti - spiega Gabriele Mattioli, il titolare - non molliamo. La nostra è l’unica struttura privata a Viterbo a provarci, nonostante il momento di grande difficoltà dovuto al rincaro energetico ma anche davanti all’incognita Covid che non è sparita. Andremo avanti con le nostre forze, considerato che ci sono altre realtà che possono permettersi di applicare prezzi più bassi dei nostri, in virtù del fatto che hanno le agevolazioni del Comune".

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 24 SETTEMBRE (Edicola digitale)