Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, semaforo dello scandalo. Ripreso il presidio in strada Acquabianca

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Dalle 8.30 alle 10.30, tutti i giorni domenica esclusa. E’ ripreso ieri, 20 settembre, e andrà avanti a oltranza il presidio di Giovanni Faperdue - candidato nella lista di Sgarbi alle ultime comunali - in strada Acquabianca, davanti al “semaforo dello scandalo”. Quello che da tre anni regola il senso unico alternato sull’arteria che collega La Quercia a Vitorchiano, nel tratto interessato dalla frana di un costone. 

 

La protesta è indirizzata stavolta non contro la Provincia, competente sulla strada in questione, ma contro il Comune, cioè contro la sindaca Chiara Frontini sostenuta da Faperdue alle elezioni, quella stessa che a giugno, al culmine della campagna elettorale, era corsa al semaforo a dare manforte al candidato-manifestante promettendo di risolvere l’intoppo in tempi brevissimi.

 

 

Non è andata così. Il semaforo, autentica croce degli automobilisti, è ancora al suo posto, da ieri insieme a Faperdue. Ma che c’entra Palazzo dei Priori se i lavori di messa in sicurezza della strada sono in capo a Palazzo Gentili? In realtà è prevista una compartecipazione privata ai lavori, da parte del complesso residenziale Colleverde sulle cui proprietà ricade una parte degli interventi da eseguire. Ed è questo il nodo del contendere.

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 21 SETTEMBRE (Edicola digitale)