Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, bimbo morto nel camper travolto da camion, slitta la consulenza

V. T.
  • a
  • a
  • a

Slitta al 17 novembre l’ascolto dei consulenti della pubblica accusa e della difesa per il prosieguo del processo a carico di un camionista 67enne, di Bagnoregio, accusato di omicidio stradale e lesioni stradali. L’imputato alla guida del mezzo pesante la mattina del 3 gennaio del 2018 piombò su un camper sul quale viaggiavano il piccolo Davide Ciuffreda e i suoi genitori. Il bimbo di soli 10 anni estratto dalle lamiere ancora vivo si spense poche ore dopo a Belcolle.

 

La madre, Antonella Incerti, che rimase gravemente ferita e il marito, Michele Antonio Ciuffreda, che ne uscì miracolosamente illeso, a suo tempo si costituirono parti civili nel dibattimento con l’Avvocato Marco Floresta. La mattina della tragedia avvenuta il 3 gennaio del 2018 l’autotrasportatore, assistito dagli avvocati Giacomo Mariano Tafuro e Ilario Taddeo, stava procedendo in direzione Orte intorno alle 10.45, quando finì addosso al camper che per un guasto si era accostato momentaneamente all’altezza del chilometro 60.100, tra le uscite Viterbo Centro Tuscanese e Viterbo Nord.

 

Intanto il 21 luglio scorso i vigili del fuoco di Reggio Emilia hanno devoluto una somma di denaro in ricordo del bimbo per ringraziare i colleghi di Viterbo, che furono tra i primi ad accorrere sul luogo della disgrazia.