Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, aeroporto. Il piano dell'Enac: "Voli taxi per Roma"

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Riprende quota l’aeroporto di Viterbo. A distanza di quasi dieci anni dal tramonto della grande illusione di sostituire Ciampino come secondo scalo laziale, a prospettare l’ipotesi di un utilizzo civile dell’aeroporto Fabbri, nell’ambito del cosiddetto “turismo di prossimità”, è direttamente l’Enac, che nel piano straordinario di riassetto degli aeroporti che verrà presentato al governo prevede collegamenti veloci tra la città eterna e quella dei papi tramite piccoli veicoli o taxi volanti. Rispetto ai sogni di gloria del passato, quelli di veder atterrare sulla Tuscanese gli aerei low cost e di vedere uscire il capoluogo dal suo isolamento per niente splendido, ce ne corre, ma per Viterbo sarebbe comunque un piccolo risarcimento. Nel piano dell’ente nazionale dell’aviazione civile è sempre previsto il ridimensionamento di Ciampino fino alla sua completa chiusura, ma a subentrare al Pastine come scalo low cost sarà Frosinone - il Girolamo Moscardini verrebbe ristrutturato e aperto alle compagnie civili - in virtù dei migliori collegamenti con la capitale. 

 

In prospettiva, tuttavia, il fatto di essere collegata a Roma per via aerea, in particolare all’aeroporto dell’Urbe sulla Salaria – per il quale l’Enac prevede un rilancio – rappresenta per la Tuscia una concreta possibilità di sviluppo turistico, che andrebbe a sommarsi a quelle spalancate dal completamento della trasversale Orte-Civitavecchia. Ovviamente, quello dell’Enac è un progetto e, viste le tante docce gelate del passato, meglio rimanere con i piedi per terra. Ma tant’è. 

 

“L’aeroporto dell’Urbe a Roma – ha spiegato il presidente dell’autorità italiane del volo civile, Pierluigi Di Palma – merita un rilancio. Chiediamo di destinarlo a un turismo di prossimità. Aerei di piccole dimensioni oppure taxi volanti possono partire dall’Urbe e raggiungere Viterbo, dove lo scalo Fabbri andrebbe adattato ai voli civili”.

 

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI VITERBO DEL 6 SETTEMBRE (Edicola digitale)