Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Tarquinia si candida ad ospitare i mondiali di vela 2024 classe Dart 18

  • a
  • a
  • a

Tarquinia si candida ad ospitare il campionato mondiale di vela 2024 classe Dart 18. La sede sarà scelta tra pochissimi giorni e ricadrà su una delle tre candidature pervenute. La manifestazione sarà autorizzata e condotta sotto l’egida della Federazione italiana vela e World sailing (Federazione mondiale della vela). Il campionato mondiale catamarani classe Dart18 è un evento velico organizzato da un circolo ospitante, su proposta e con la collaborazione della Asd Dart18 Italia e dell’Associazione Dart18 Svizzera nonché dall’International Dart Association (Ida). 
Le associazioni Dart18 e Asd Assonautica Tarquinia “G. Maffei” hanno formalmente proposto all’amministrazione comunale di realizzare a Tarquinia questo campionato che si concentrerà in 7/8 giorni di impegno complessivo, di cui 6 di regate, nel periodo al momento individuate nelle prime due settimane di settembre 2024. le suddette associazioni veliche sottoporranno la candidatura ufficiale della città di Tarquinia durante il meeting della classe internazionale che si svolgerà a fine agosto 2022 a Riva del Garda, quando l’ente organizzatore voterà, scegliendo tra tre candidature italiane, quella più idonea ad ospitare il campionato che accoglierà velisti prevalentemente da paesi europei, ma anche da resto del mondo. 

 


“Tarquinia - spiega l’amministrazione comunale -, ha sicuramente tutte le caratteristiche che sono considerate necessarie per la riuscita di un evento Dart18: costanza del vento, ampia spiaggia, possibilità di ospitare tutta la flotta presso un campeggio in modo da avere rapido accesso al mare, territorio con possibilità di svago, esperienza dei circoli in manifestazioni a carattere velico nazionale con elevato numero di partecipanti”. 

 


Il mondiale sicuramente rappresenterebbe una grande vetrina per la città. “Ospitare un evento di tali dimensioni sarebbe un grande spot pubblicitario per la città, attirerebbe infatti non solo sportivi, ma anche accompagnatori e appassionati di sport acquatici, con delle ricadute positive sull’economia cittadina, grazie alla notevole presenza di ospiti che potrebbero necessitare di vitto ed alloggio”.