Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, mercato del sabato. Ambulanti al Comune: "Va riportato al Sacrario con i parcheggi"

Alessio De Parri
  • a
  • a
  • a

Gli ambulanti tornano alla carica chiedendo al Comune il ripristino del mercato del sabato in piazza del Sacrario. Dopo l’apertura delle scorse settimane da parte della sindaca Chiara Frontini - che aveva annunciato l’intenzione di riportare quanto prima le bancarelle in centro storico individuando piazza della Rocca quale possibile sede - la categoria lancia ora una controproposta alla nuova giunta. Quella, appunto, che prende in considerazione un rientro del mercato settimanale al Sacrario, magari lasciando libero qualche parcheggio.

Rientro necessario, stando a quanto dicono gli interessati, visto che dopo oltre due anni al Carmine, nella zona intorno al campo sportivo Oliviero Bruni, il giro d’affari si è più che dimezzato e un terzo degli ambulanti alla fine ha preferito rinunciare, cancellando Viterbo tra le destinazioni. “Basti pensare che prima di trasferirci al Carmine eravamo novanta banchi - racconta Giulio Terri, presidente dell’Anva Confesercenti provinciale -. Oggi invece siamo una sessantina, a testimoniare le grandissime difficoltà che abbiamo dovuto sostenere dal 2020 ad oggi portando alcuni di noi a prendere la decisione di abbandonare definitivamente il mercato settimanale”. Massimo entro la fine del mese la categoria conta di avere un incontro con la sindaca Chiara Frontini per cercare una soluzione rapida.

“A breve invieremo una richiesta ufficiale al Comune - riprende Terri -. Non c’è più altro tempo da perdere perché gli affari al Carmine sono praticamente crollati ed è per questo che quanto prima dovremo andarcene da lì, puntando nuovamente al centro storico. Piazza della Rocca? Può essere una possibilità, ma secondo noi l’opzione migliore rimane quella di rientrare al Sacrario. Peraltro essendo molti di meno rispetto al passato, potremmo occupare l’area del parcheggio comunale lasciando sguarnita la prima fila d’ingresso in modo tale da consentire alle auto di sostare anche durante il mercato”.