Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Demansionamento, impiegata perde causa contro Il Comune di Monterosi

  • a
  • a
  • a

Il Comune di Monterosi, difeso dagli avvocati Franco Laugeni e Matteo Moscioni, ha vinto la causa civile intentata da Eurania Pedica, dipendente dell’Amministrazione. Pedica si era rivolta al giudice del Lavoro del tribunale di Viterbo lamentando “il demansionamento e la dequalificazione mediante l’assegnazione di un inesistente ruolo di segreteria alle dirette dipendenze di una impiegata con pochi mesi di esperienza”. Inoltre, spiegava la dipendente nel ricorso, “le era stato assegnato un ufficio distante, privo di arredamento, di strumentazione funzionante e di stampante”. Infine, aveva denunciato anche “il pericolo di gravissimi e irreparabili danni alla salute psico-fisica, nonché danni morali e di immagine”. Dopo il dibattito in aula il giudice del Lavoro Mauro Ianigro ha respinto il ricorso proposto dalla dipendente nei confronti del Comune, in quanto, si legge nella sentenza “la ricorrente non è stata in grado di spiegare le ragioni sulle quali si basa la richiesta di reintegrazione nelle stesse mansioni originariamente espletate. Anche la doglianza di isolamento rispetto a colleghi è apparsa irragionevole e inidonea”. Il giudice ha osservato infine che “la parte ricorrente non ha offerto alcun elemento concreto sulla cui base desumere il verificarsi, in breve tempo, di pregiudizi all’integrità psico-fisica, così come quella relativa al danno professionale. Pertanto, non essendo stata dimostrata l’esistenza di un concreto pericolo di pregiudizio, il ricorso non può che essere respinto”. Il sindaco Sandro Giglietti commenta: “Questa sentenza testimonia il clima positivo, coeso ed efficiente che regna sia nell’organizzazione che nei rapporti professionali e umani all’interno del nostro Comune, il cui lavoro, nel corso degli anni, è sempre più apprezzato dalla comunità monterosolina”.