Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, elezioni politiche. Ufficializzati i primi due candidati: Daniela Pinardi e Paolo Bianchini

R. V.
  • a
  • a
  • a

Giorni decisivi per le candidature. Nel collegio uninominale della Camera Viterbo-Civitavecchia sembra certo, per il centrodestra, il nome di Mauro Rotelli (FdI). Nel Pd continua, invece, a puntare i piedi il consigliere regionale Enrico Panunzi, che, per garantirsi l’elezione, chiede di essere inserito come capolista nel listino proporzionale. Probabile che alla fine la scelta ricada su Alessandro Mazzoli.
Nell’uninominale del Senato (collegio Viterbo-Rieti-Civitavecchia) per il centrodestra correrà quasi sicuramente Claudio Durigon, coordinatore regionale della Lega: quindi, niente riconferma per Francesco Battistoni, che dovrebbe essere dirottato nelle Marche. Ancora nessuna indiscrezione per quanto riguarda il Pd.

 

Nel frattempo si apprende che scenderà in pista anche l’ex FdI Paolo Bianchini. Sarà candidato da Italexit-Paragone in uno dei listini della Campania. 
Infine, Rifondazione comunista: Daniela Pinardi, segretaria del circolo di Civita Castellana, sarà capolista nel collegio plurinominale per la lista Unione popolare con De Magistris. 

 


 

“La scelta - spiegano i rifondaroli - manifesta la volontà di tutta la Federazione provinciale e del Comitato regionale di investire su Civita Castellana e sul distretto della ceramica. Un investimento importante frutto del duro lavoro e degli ottimi risultati conseguiti dal circolo sia in termini elettorali che di reclutamento e militanza. Molto probabilmente Daniela Pinardi sarà l’unica civitonica a ricoprire un ruolo così importante, con la possibilità concreta di entrare in Parlamento. Ancora una volta i comunisti si pongono in maniera totalmente alternativa rispetto agli altri partiti, presentando candidature provenienti solo dalla base e non i soliti paracadutati alla ricerca di posti sicuri. Riteniamo quindi che il voto all’Unione popolare non sia solo un voto per la nostra piattaforma politica, ma un voto per la tutela di tutto il nostro territorio”.