Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, violenza in centro. Rissa al Sacrario, ferito un agente

  • a
  • a
  • a

Un’altra rissa al Sacrario. L’ennesima. Un problema quello della sicurezza nella zona di San Faustino - recentemente riqualificata almeno per la piazza - e del Sacrario che torna d’attualità continuamente.
L’ultimo episodio violento risale alla notte di domenica 7 agosto quando, intorno alla mezzanotte, è scoppiata una violenta zuffa che ha coinvolto una decina di persone. spintoni, minacce, insulti, calci e pugni davanti al monumento ai caduti. I residenti, ancora una volta, sono stati svegliati dalle grida provenienti dalla strada.

 

 

Sul posto sono intervenuti sia i carabinieri che le volanti della polizia che hanno faticato non poco a sedare la rissa. gli animi si erano talmente scaldati che alla fine ad avere la peggio è stato un agente di polizia che è rimasto contuso. Un uomo è stato fermato e portato in caserma dai carabinieri.
Un fatto che, come detto, fa tornare d’attualità il tema della sicurezza in quella porzione del centro storico che ormai da anni, specie di notte, diventa terra di nessuno. Nonostante le ordinanza nati degrado e per il decoro urbano che sono state riproposte recentemente dalla neo sindaca Chiara Frontini, continuano i bivacchi in varie parti del centro, Sacrario soprattutto. Persone che per ore si siedono ai bordi delle stradine bevendo. Spesso, proprio perché il tasso di alcol si alza di molto, quelle stesse persone, molte delle quali vecchie conoscenze delle forze dell’ordine, vengono alle mani.

 

La scorsa settimana, per esempio, in pieno giorno una volante è dovuta intervenire davanti al monumento ai caduti dove un ragazzo era improvvisamente caduto a terra forse per effetto delle droghe assunte. E’ stato soccorso da un’ambulanza del 118 e portato in ospedale. Scene che ormai al Sacrario sono quasi il pane quotidiano.