Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, cinghiali avvistati nel parco pubblico del Murialdo

Esplora:

  • a
  • a
  • a

VITERBO
Cinghiali, è sempre più emergenza: a La Quercia e in via Genova strade cosparse di spazzatura, al Murialdo invasi anche di giorno i parchi pubblici. Mentre il sindaco vara provvedimenti contro coloro i quali saranno colti a dar da mangiare agli ungulati, questi continuano a creare disagi. A La Quercia, zona Respoglio, di notte un branco ha letteralmente divelto i cassonetti. Qualche chilometro più a sud, al Murialdo, le scorribande avvengono ormai anche di giorno: nel parco di via Monti Cimini, dietro il centro commerciale di via Ippolito Nievo, da quasi una settimana viene avvistata una famiglia di ungulati. Il parco è frequentato dalle famiglie, dunque da bambini e animali domestici: “Iniziamo ad avere non dico paura ma un po’ di apprensione per questa storia. Auspicare un intervento in breve tempo è scontato, però stanno iniziando a passare gli anni senza che si sia deciso di muovere un dito”, afferma una residente. Un padre di famiglia, invece, si sbilancia: “E’ uno schifo. Se poi calcoliamo che, quasi tutte le mattine, al bar del quartiere vengono a fare colazione diversi vigili urbani, viene da arrabbiarsi ancor di più. Loro sono a via Monte Cervino, poco lontano dal parco dove ogni giorno scorrazzano i cinghiali. E’ impensabile che io, che ho una figlia piccola, debba preoccuparmi di portarla al parco perché ci sono i cinghiali in piena città”. Non va affatto meglio in via Genova, punto di ritrovo notturno dei suidi dai tempi del primo lockdown: come al Respoglio, gli animali, intenti a rovistare tra i secchioni hanno trascinato per metri i sacchetti con dentro i rifiuti. “Cartolina dalla splendida via Genova”, ha scritto un utente allegando su Facebook una foto del capolavoro. Alcuni viterbesi hanno avanzato una proposta direttamente alla sindaca: gabbie di protezione per i cassonetti o secchioni interrati. La soluzione, avallata anche dall’esperto di fauna selvatica Bruno Tallarico, potrebbe sortire effetti positivi: “Le stanno usando in altri posti,magari non saranno risolutive ma attenuerebbero il problema”.
M. U.