Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, corse a vuoto di Ronciglione. Il ritorno dopo due anni di stop. Il sindaco: "Il palio simbolo della nostra identità"

  • a
  • a
  • a

La sala consiliare del Comune di Ronciglione ha fatto da cornice alla presentazione di una delle tradizioni più antiche e sentite dai ronciglionesi, il palio di San Bartolomeo. Giovedì in sala consiliare insieme a molti cittadini e rappresentanti dei 9 rioni, c’erano anche il sindaco Mario Mengoni, il consigliere comunale delegato al Turismo, Alessandra Ortenzi e il consigliere delegato agli Eventi, Francesco Laurenti; Luca Boldrini dell’ente Palio; Alessandro Vettori dell’associazione Amici del Palio e Stefano Cianti, artista autore del Palio 2022. “Questa manifestazione deve continuare nel tempo perché rappresenta la nostra identità comunitaria, tramandata da generazioni, capace di unire un intero popolo - ha detto il sindaco -. Quando si parla di Ronciglione, si parla di carnevale e di corse a vuoto, e questo è quello che ci identifica come comunità, che dobbiamo preservare e tramandare. Grazie a tutti per aver scelto di organizzare un evento che è si è trasformato in un vero e proprio prodotto turistico, elemento identitario e volano economico per il territorio. Ringrazio l’artista affermato Stefano Cianti per la realizzazione del Palio di quest’anno, che esprime tutta la forza e la bellezza di questa tradizione”.

 

 

Un evento unico al mondo, 9 rioni, 18 cavalli, un ippodromo costruito nel cuore rinascimentale di Ronciglione, dove il cavallo, che corre scosso e libero, è al primo posto. Il Palio non è solo una gara, è cultura, tradizione, socialità, spettacolo, un'esperienza da non perdere, emozionante per i turisti. Un programma ricco con delle novità rispetto agli anni precedenti. Tra tutte, “La grande notte del palio” del 20 agosto, che vedrà per la prima volta sfilare il corteo storico il sabato sera, invece che la domenica prima della corsa, con la suggestiva cavalcata degli Ussari e l’apertura della banda “Alceo Cantiani” di Ronciglione. La serata racchiuderà il rituale dell’investitura del lascino, che prima avveniva separatamente.

 


 

“Finalmente ci ritroviamo qui tutti insieme con i fazzoletti al collo, dopo due anni molto complessi – ha dichiarato Alessandro Vettori, dell’associazione Amici del Palio. I rioni sono pronti a partire con l’imbadieramento della città e con tutti gli appuntamenti che ci condurranno fino alle corse”.
“Si entra nel mese del palio e l’amministrazione ha voluto organizzare due mesi ricchi di eventi, alcuni dei quali fanno da corollario al palio, punta di diamante della nostra estate – ha commentato il consigliere comunale Francesco Laurenti -. Abbiamo lavorato anche sulla comunicazione e promozione radiofonica e ci auguriamo che questo si traduca in termini di presenze”. Alessandra Ortenzi, consigliere delegato al Turismo: “Uno spirito di grande entusiasmo, siamo convinti che il palio possa dare a Ronciglione un grande impulso, come avviene con le tradizioni più importanti”.