Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, caldo. Luglio il mese con le temperature più alte dell'ultimo mezzo secolo

Esplora:

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

E’ stato il terzo luglio più caldo nella Tuscia dell’ultimo mezzo secolo. Quando mancano ancora cinque giorni alla fine del mese - senza nubi all’orizzonte - i dati di archivio del sito Meteo.it confermano quello che ogni viterbese sopra i 50 anni, quindi dotato di un po’ di memoria storica, ha già potuto constatare sulla propria pelle sudata.
A ieri la temperatura media di luglio è stata di 29,1 gradi centigradi. Per ritrovare valori così alti bisogna tornare indietro al 2015 e al 2003 quando il valore medio mensile della colonnina di mercurio arrivò a quota 24,4. Ma, come detto, ci sono ancora 5 giorni di tempo per battere il record. 

 

A impressionare, scorrendo i dati dal 1973 (il primo anno disponibile nello storico di Meteo.it) a oggi, è lo scarto con le temperature medie degli anni Settanta. Anni di piombo ma anni anche freddi al cospetto di quelli che stiamo vivendo dall’inizio del secolo. Nel luglio del ‘73 la temperatura media fu di 24,4 gradi. Negli anni successivi, nell’ordine: di 23,2; 23,9; 21,3; 21,2. 
Nel 1978 probabilmente a luglio si girava col giubbetto: 19,6 il valore medio; nel 1979 di 21,2; nel 1980 di 19,6. Per avere temperature così d’estate oggi bisogna fuggire in Scandinavia, visto che anche Londra in questo periodo boccheggia. 
Il pianeta, quantomeno alle nostre latitudini, ha cominciato a bollire a partire dagli anni Ottanta, con temperature medie tendenzialmente sopra i 25 gradi. E’ seguito poi un decennio decisamente meno torrido: il mese di luglio per tutti i Novanta si è mantenuto sotto questa soglia, ad accezione dei due sforamenti del 1998 (27 gradi) e del 1999 (25,9). Il Grande caldo è infine ricominciato, tra molti alti e pochi bassi, all’inizio del millennio. 

 

A giugno, ricordiamo, le cose non erano andate meglio. La temperatura media in provincia di Viterbo il mese scorso è stata di 27,1° con punte di 31,8 e senza un solo giorno di pioggia. Anche in quel caso per trovare un giugno così torrido è stato necessario ritornare indietro alla lunga estate calda del 2003.
Intanto, in mancanza di precipitazioni, lo spettro dei razionamenti dell’acqua è sempre in agguato. Il direttore tecnico di Talete la scorsa settimana, pur rassicurando sulla tenuta delle reti, ha dovuto ammettere che la situazione è sempre più critica, tanto che in alcuni paesi come Soriano nel Cimino, Blera e Tre Croci sono dovute intervenire le autobotti per integrare il flusso nelle abitazioni. 
Le previsioni meteo danno sereno e temperature diurne sopra i 35 gradi anche nei prossimi dieci giorni. Forse è ora di aggiornare allo spirito del “tempo” qualche espressione d’uso comune. Tipo: “Non piove, governo ladro”.
Le app dei telefonini indicano qualche accenno di pioggia forse nel fine settimana nelle zone del centro Italia, ma non è detto che le due gocce indicate non svaniscano.