Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Tosap. La seconda commissione vara l'esenzione Tosap

Mattia Ugolini
  • a
  • a
  • a

Comune, la Commissione Bilancio si insedia e ratifica i primi provvedimenti: ufficiale l’esenzione dalla Tosap per i locali pubblici fino alla fine di settembre.  La II Commissione, ampiamente rinnovata nei suoi componenti, ha prima votato all’unanimità per l’elezione di presidente e vice, rispettivamente Marco Bruzziches e Francesco Buzzi - entrambi espressione della maggioranza frontiniana - poi è passata alla discussione dei punti all’ordine del giorno. 

 

Ratificata la variazione al bilancio di previsione 2022-2024, adottata in via d’urgenza dalla giunta con delibera numero 1 del 30 giugno, meglio conosciuta come “delibera Tosap”. Il provvedimento, varato dalla giunta Frontini in tempi record e riguardante l’esenzione per le attività commerciali dalla tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, è passato al vaglio della Commissione, che lo ha approvato. 
Si sono detti favorevoli Micci (Lega) e Ciambella (Per il Bene Comune). Il primo ha comunque contestato la scelta dell’amministrazione di utilizzare i contributi governativi che sono arrivati come ristoro per mancati introiti Tosap nel periodo pandemico in quanto, per lui, sarebbero potuti essere sfruttati diversamente. 

 

La seconda, invece, ha chiesto di predisporre ulteriori incentivi a partire dal primo ottobre, quando scadrà la proroga dall’esenzione.
Scettici, infine, Sberna (FdI) e Troncarelli (Pd). Per la meloniana, è sbagliato tener fuori dall’esenzione quelle attività che non hanno fatto richiesta al 30 giugno, mentre per l’esponente dem la misura dovrebbe essere estesa fino alla fine del 2022. 
E ora, la sindaca Frontini e la sua maggioranza pensano a Talete. In programma questa mattina il consiglio comunale dal quale dovrebbe uscire il no del Comune alla cessione ai privati delle quote della società partecipata. Si prevede un lungo dibattito nella Sala d’Ercole, anche se è altamente probabile che un pezzo della minoranza voterà a favore della presa di posizione della sindaca.