Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, droga. Spacciatore influencer condannato a 2 anni. Contattava i clienti su Instagram e Telegram

V. T.
  • a
  • a
  • a

È stato condannato a 2 anni un 24enne, originario dell’Algeria, il quale durante il lockdown si mise a spacciare droga sui social. Il processo a carico del ventenne, residente a Grotte di Castro, si è concluso ieri. Stando alle indagini condotte dai carabinieri della stazione locale e di Bolsena, dall’inizio dell’emergenza pandemica fino alla primavera dell’anno successivo, il giovane cedette delle dosi di hashish e marijuana a coetanei e a una minorenne.

 

Secondo le ricostruzioni, infatti, l’imputato poteva essere contattato su Instagram o su un gruppo Telegram dedicato ai clienti nel quale venivano pubblicate foto delle varie tipologie di sostanze stupefacenti da poter richiedere e da acquistare. A tale proposito, lo scorso 21 giugno, il 24enne, rispondendo alle domande delle parti ha spiegato di utilizzare la chat di Telegram per “passione”, in quanto interessato alle tecniche colturali, e di non aver venduto droga a minori.

 

In aula il pm Paola Conti, concludendo la requisitoria, ha ritenuto che dall’istruttoria fosse emessa e fosse stata provata la responsabilità penale del pusher e ha avanzato un’istanza di condanna a 2 anni e 6 mesi. Al termine della camera di consiglio, il terzetto collegiale presieduto dal giudice Eugenio Turco, ha condannato il ragazzo a 2 anni di reclusione.