Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Lazio, Regione. Precipita il gradimento di Nicola Zingaretti

  • a
  • a
  • a

Diciassettesimo su 18. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti scivola in fondo alla classifica dei governatori pubblicata ieri, lunedì 4 luglio, dal Sole 24 Ore. Si tratta dell’annuale sondaggio Governance Poll che misura l’indice di gradimento dei sindaci dei capoluoghi italiani e, appunto, dei presidenti di Regione a elezione diretta.
Soltanto 37 cittadini laziali su 100 sarebbero oggi pronti a rivotare Zingaretti, che è stato eletto presidente per la seconda volta nel 2018. Rispetto allo scorso anno, l’ex segretario del Pd perde sei punti percentuali, anche se il saldo rispetto al giorno dell’elezione resta positivo per il 4,1%.

 

In testa alla classifica c’è sempre il governatore leghista del Veneto Luca Zaia (70% dei consensi), che però perde 4 punti percentuali rispetto al 2021. Sul secondo gradino del podio un altro leghista, il presidente del Friuli Massimiliano Fedriga (68%), che compie un grande balzo in avanti (9 punti) rispetto al Governance Poll 2021. Terzo posto per il governatore dell’Emilia Romagna, il dem Stefano Bonaccini (65%), in crescita di 5 punti rispetto allo scorso anno, seguito dal governatore della Liguria Giovanni Toti (61%), anche lui con 5 punti di consenso in più rispetto al 2021.

 

“Nel centrosinistra, dietro a Bonaccini, continua a brillare l’eterodosso Vincenzo De Luca, promosso dai campani con un robusto 58% che lo appaia al 5° posto alla new entry di Roberto Occhiuto, presidente forzista della Calabria - scrive Gianni Trovati nell’articolo del Sole - . Mentre gli altri presidenti targati Pd continuano a viaggiare nelle parti più basse della classifica, giù giù fino a Zingaretti che non sembra aver beneficiato del tramonto degli impegni nazionali alla segreteria del Pd e raccogliere un 37% che lo spinge al penultimo posto”.
Per quanto riguarda i sindaci, Viterbo quest’anno non appare in classifica. Troppo presto per misurare il consenso della neoeletta Chiara Frontini e troppo tardi per quello di Giovanni Arena.