Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, raggiri agli anziani. La polizia fa prevenzione al centro sociale Sacrario

  • a
  • a
  • a

Ieri pomeriggio, presso il centro anziani Sacrario, si è svolta la prima giornata di informazione sulle truffe agli anziani, iniziativa promossa dalla Questura di Viterbo. L’incontro, tenuto da Amelia Priaro - dirigente della divisione polizia anticrimine coadiuvata da personale della squadra mobile, è stato l’occasione per approfondire tutte le casistiche inerenti alle truffe agli anziani, nonché per fornire utili consigli al riguardo.

A tutti i partecipanti è stata anche distribuita una brochure riepilogativa con i casi esemplificati di possibili situazioni di pericolo e un elenco di azioni da compiere nel caso in cui ci si trovi nelle citate circostanze. Dal pacco falso allo scambio di banconote appena prelevate all’amico del figlio che avanza soldi, dal finto avvocato fino ai falsi appartenenti alle forze di polizia o falsi dipendenti di aziende che svolgono servizio pubblico quali Inps, Telecom ed Enel, questa la casistica trattata. La situazione è tale per cui i rischi per le persone anziane sono ormai all’ordine del giorno e, quindi, momenti informativi come questi sono essenziali perché la prevenzione deve diventare lo strumento primario per fronteggiare episodi di microcriminalità in danno di persone più fragili.

Questa attività comunicativa a tutela di una delle fasce più deboli della popolazione segna l’inizio di una serie di giornate di approfondimento promosse dalla Polizia di Stato e destinate a formare i cittadini potenziali vittime di truffatori sulle modalità di reazione e/o intervento in simili circostanze. Soddisfatti delle due ore di incontro i frequentatori del centro anziani e della struttura socio-ricreativa, alcuni dei quali hanno raccontato di essere rimasti coinvolti come vittime in tentativi di truffe, fortunatamente andati a vuoto.