Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, soprintendenza boccia il parcheggio di Torre Alfina

Alessandro Quami
  • a
  • a
  • a

Parcheggio di Torre Alfina difforme alle regole paesaggistiche, e la soprintendenza boccia i lavori dando ragione alla minoranza consiliare di centrodestra. La quale da mesi critica la giunta Terrosi (Pd) in merito al parcheggio di Torre Alfina’opera. L'opposizione questo inverno accusava la maggioranza di averlo fatto male e in difformità alle autorizzazioni. “Il progetto presentato dal Comune prevedeva il grigliato verde come pavimentazione, invece ci ritroviamo con una distesa d'asfalto”, diceva il consigliere leghista Alessandro Brenci. Il quale, insieme ai colleghi di minoranza (Federica Friggi, Domitilla Agostini e Valentina Sarti), “a seguito di segnalazioni provenienti dai cittadini, il 24 novembre 2021”, chiedeva alla sindaca Terrosi e all’ufficio tecnico comunale “copia del progetto del parcheggio nella frazione Torre Alfina” adiacente alla chiesa Madonna del santo amore.

 

Dopo aver avuto problemi nel ricevere i documenti richiesti, la minoranza scriveva anche alla Soprintendenza, che nei giorni scorsi ha risposto con una lettera ufficiale inviata ai consiglieri di minoranza di Acquapendente dal ministero della Cultura, direzione generale Archeologia, soprintendenza Belle arti e paesaggio per la provincia di Viterbo e l'Etruria meridionale. La data è del 27 aprile 2022 (e la richiesta di informazioni dell'opposizione è del 2 febbraio scorso). Oggetto: “Realizzazione di un parcheggio nella frazione di Torre Alfina. Riscontro alla richiesta di informazioni”. Il testo della lettera: “Questa Soprintendenza ha effettuato un riscontro in loco il 4 marzo 2022 (stato dei lavori del parcheggio proposto e realizzato dal Comune di Acquapendente a ridosso della chiesa della Madonna del santo amore a Torre Alfina)”, si legge. Dopo “l'attività istruttoria”, il 21 aprile scorso, la soprintendenza ha “trasmesso una relazione con constatazione di realizzazione delle opere in oggetto in completa difformità rispetto a quanto autorizzato con autorizzazione paesaggistica numero 12 dell'11 febbraio 2019 del Comune di Acquapendente. Provvedimento emesso recependo il parere favorevole con prescrizioni della scrivente (soprintendenza, ndr) sul progetto allegato all'istanza presentata”.

 

La Soprintendenza ha trasmesso “per competenza alla Regione Lazio, Area vigilanza urbanistico-edilizia poteri sostitutivi, accertamenti di compatibilità”. La lettera è firmata dal responsabile del procedimento, Yuri Strozzieri, e controfirmato dalla soprintendente Eichberg.