Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, dal Comune 120 mila euro per cultura e spettacoli

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Ammonta a 120 mila euro la torta dei contributi che il Comune ha destinato per il 2022 alle iniziative nel campo della cultura e degli spettacoli. La graduatoria dei soggetti che hanno partecipato al bando e che sono risultati idonei è stata pubblicata il 18 maggio scorso. Il criterio adottato nella ripartizione dei fondi è quello tradizionale, cioè a pioggia. Nessuna delle 24 manifestazioni ammesse a finanziamento avrà un contributo superiore ai 10 mila euro. Primi classificati ex aequo, il Tuscia Film Fest, che quest’anno è alla XIX edizione, i Quartieri dell’arte di Gian Maria Cervo e il festival di cultura digitale Medioera. Tutte e tre le iniziative hanno ottenuto 88 punti e riceveranno un contributo di 10 mila euro a fronte dei 13 mila richiesti (il massimo consentito).

Subito dopo, con 84 punti, si piazza un’altra manifestazione viterbese storica (in tutti i sensi): Ludika 1243, che quest’anno festeggia la ventesima edizione. Il contributo ottenuto è di 9 mila euro a fronte dei 12 mila richiesti. Ludika condivide il quarto posto con il Kinfest, il festival delle connessioni culturali che ha esordito l’anno scorso ospitando nel chiostro del museo civico Rossi Danielli scrittori, artisti, disegnatori, perfomer, dj, selezionatori musicali e giornalisti. A seguire troviamo nell’ordine di punteggio (ma non di contributo): Stand Up Comedy live (4.500 euro); Cioccotuscia (8 mila euro); Notte di mezzo Halloween (3 mila euro); Pasolini Pop (7.500 euro); Acrobazie letterarie (4 mila euro); Periferica 2022 (4.200 euro); Slow Food Village (6 mila euro); Festival teatro XXV Premio Città di Viterbo (4 mila euro); Cesare Dobici, concerto-convegno sulla figura dell’uomo e del musicista (mille euro); Dante inatteso (4 mila euro); Huffpost Festival Viterbo (5 mila euro); Il sacrilegio nella chiesa di San Silvestro (mille euro); XXIII Rassegna Castrum Balneariae - Emozioni a Villa Lante (600 euro); Spazi di transizione VII edizione-Shakespeare a Viterbo (4.500 euro); La forza della fede – Mostra storico documentaria sulla festa di Santa Rosa (2.500 euro); Metti un libro a teatro – Omaggio a Enrico Caruso e le città visibili (3.700 euro); mostra micologica I funghi della Tuscia (mille euro); Jazzup Festival XVII edizione (4 mila euro); Mese teatrale sammartinese (3.500 euro). Il fatto che manifestazioni con un punteggio maggiore abbiano ottenuto meno fondi rispetto a chi si è piazzato dopo in graduatoria è dovuto una ragione molto semplice: era più basso il contributo richiesto.

Infine, sono state giudicate idonee ma non finanziate per esaurimento dei fondi a disposizione dodici iniziative, alcune delle quali anche storiche: Immagini dal sud del mondo; Festival Stradella; Fuori posto – festival di teatri al limite; Minifestival di Viterbo; Rievocazione storica Ferento; Raccontinmaschera; La città del Tetraedro; Corsi internazionali di musica Città di Viterbo; Il Novecento – Un secolo di storia di Viterbo; Cinema & Terme; La via delle artiste; Social. In totale i soggetti che hanno partecipato al bando della cultura 2022 sono stati 53.