Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, a Tarquinia Ztl autorizzata dal ministero ma dopo un periodo di prova

Esplora:

Fabrizio Ercolani
  • a
  • a
  • a

Tarquinia, la zona a traffico limitato con accesso videosorvegliato è stata inserita nell’elenco del ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile dei comuni autorizzati al controllo elettronico degli accessi alle ztl. Dopo vari tentativi dunque l’amministrazione comunale riesce ad ottenere il placet dal ministero e potrà installare i varchi agli ingressi della città. 
Il ministero ha autorizzato cinque postazioni di controllo: porta Tarquinia, Barriera San Giusto, piazzale Europa, alberata Dante Alighieri, Santa Maria in Castello. In queste postazioni verrà utilizzato il sistema “Sart Basic”. Considerata però la complessità delle procedure connesse all’utilizzo di impianti automatici per la rilevazione degli accessi e la contestazione delle violazioni, il ministero ha prescritto un mese di pre-esercizio di durata non inferiore a trenta giorni, da realizzare sotto il controllo della polizia locale. In questa fase, contestualmente all’attivazione degli impianti, i varchi saranno presidiati dai vigili urbani. Nello stesso periodo di pre-esercizio, eventuali violazioni alla disciplina di accesso, dovranno essere accertate e contestate esclusivamente e direttamente dalla polizia locale presente ai varchi.

 

Al termine della fase di pre-esercizio il Comune, valutati gli esiti della stessa ed adottati gli eventuali conseguenti provvedimenti, potrà procedere direttamente alla fase di esercizio ordinario, nel rispetto delle condizioni e raccomandazioni contenute nell’autorizzazione e nel decreto di omologazione del dispositivo autorizzato. 
Dopo tante polemiche, critiche, proteste sulla legittimità della ztl, ora c’è la certezza che a breve tutto potrà essere nella norma. Certo il passato non lo cancella nessuno, un passato che per molte attività, soprattutto quelle legate all’asporto, ha significato e significa tutt’oggi grandi cali nei fatturati. 

 

Se l’obiettivo è quello di rendere fruibile Tarquinia ai turisti, resta da capire come mai dal lunedì al venerdì la ztl sarà attiva dalle ore 19 alle ore 4 del mattino e non, ad esempio, in orario mattutino, dove solitamente si registra il maggior afflusso di visitatori. Un provvedimento, quello legato alla ztl, che aveva avuto già una forte protesta dei commercianti, fortemente contrari non alla ztl stessa, ma alle modalità decise dalla giunta. 
Ora resta da capire quando il Comune vorrà dare via al periodo di pre-esercizio impiegando diversi agenti a coprire i vari varchi di accesso e visto che la ztl cinque giorni su sette è in orario serale, diventa veramente complicato ottemperare al dettame ministeriale.