Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, controlli del Nas. Chiusi 7 ristoranti e sequestrati 7,5 tonnellate di alimenti

  • a
  • a
  • a

Nell’ambito della sicurezza alimentare e sanitaria, dall’inizio dell’anno, i carabinieri del Nas di Viterbo hanno svolto complessivamente circa 600 controlli nelle province di Viterbo e Rieti, riscontrando non conformità in 75 casi numerose carenze e accertando complessivamente 16 violazioni penali e 96 violazioni amministrative, comminando sanzioni amministrative per un importo totale di 83 mila euro. I militari del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Viterbo hanno altresì sequestrato merce/prodotti alimentari per un peso complessivo di 2,6 tonnellate e disposto la chiusura di nove attività (di cui sette nell’ambito della ristorazione). Particolare centralità hanno avuto i controlli finalizzati alla verifica dell’osservanza delle norme anticovid-19 presso gli esercizi commerciali, i mezzi di trasporto, le discoteche, i bar e i ristoranti, le palestre, i centri estetici e massaggi nonché degli adempimenti vaccinali delle procedure per l’esecuzione dei tamponi antigenici presso le farmacie e i laboratori di analisi. Contestualmente sono state accertate una violazione di carattere penale e 21 di tipo amministrativo, comminando sanzioni amministrative per un importo complessivo di 17 mila euro.

Nei primi quattro mesi dell’anno i militari del Nas di Viterbo, nell’ambito dei controlli disposti a livello nazionale dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, hanno ispezionato numerose strutture ricettive per anziani, riscontrando irregolarità in quattro casi, rilevando due violazioni penali e due amministrative. Sempre nell’ambito della sicurezza sanitario-farmaceutica, nel totale 443 sono state le strutture ispezionate, 31 delle quali sono risultate non conformi. Accertate 6 violazioni penali e 34 amministrative, elevando sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 22 mila euro. Nell’ambito della sicurezza alimentare sono state ispezionate oltre 150 strutture, 44 delle quali sono risultate non conformi sotto il profilo igienico-sanitario. Sono state accertate sei violazioni penali e 62 amministrative, elevando sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 61 mila euro con il contestuale sequestro di 2,5 tonnellate di alimenti per un valore complessivo di oltre 50 mila euro e disposto la chiusura di nove attività (di cui sette nell’ambito della ristorazione). Nei casi in cui sono state accertate carenze lievi è stato applicato l’istituto della diffida, che consente al titolare dell’attività ispezionata di ripristinare le idonee condizioni igienico sanitarie entro 30 giorni dal controllo.

I militari del Nas di Viterbo, nell’ambito dei controlli disposti su larga scala dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, hanno altresì dedicato la loro attenzione alla contraffazione di giocattoli e apparecchiature elettriche, sottoponendo a sequestro amministrativo oltre 7 mila 200 oggetti ritenuti non aderenti alle normative vigenti in materia di sicurezza poiché privi delle informazioni obbligatorie e marcatura CE, comminando sanzioni amministrative per 8 mila euro; commercializzazione di fitofarmaci, sottoponendo a sequestro amministrativo oltre 2.000 Kg. di prodotti per l’agricoltura, comminando sanzioni amministrative per 25 mila euro.