Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, allarme di Confconsumatori: "Occhio ai risparmi dimenticati alle Poste”

  • a
  • a
  • a

I risparmi depositati nei libretti dormienti alle Poste rischiano di andare in fumo. Ad accendere la lampadina dell’allarme è il presidente di Confconsumatori Viterbo Antonio Nobili che ricorda come Poste Italiane sta avvisando i propri clienti che il prossimo 21 giugno estinguerà tutti i libretti postali che negli ultimi dieci anni (entro il 30 novembre 2021) non sono mai stati utilizzati; i cosiddetti “libretti dormienti”. 

 


Passata questa data, il denaro verrà gestito da Consap, società interamente controllata dallo Stato. Ciò significa che quel denaro tornerà quindi in mani pubbliche. “L'unico modo per evitarlo è rispondere alla comunicazione di Poste entro 180 giorni oppure effettuare un'operazione, altrimenti il libretto postale verrà estinto”, spiega il presidente dell’associazione.
I libretti postali, da sempre prodotti finanziari molto popolari - emessi da Cassa depositi e prestiti ma diffusi da Poste - sono considerati una sorta di salvadanaio, un investimento privo di rischi perché protetto dalla garanzia dello Stato. 
Il loro successo si deve anche al fatto che col passare degli anni sono stati trasformati da semplice strumento di risparmio a qualcosa di simile a un conto, con la possibilità di versare e prelevare denaro senza costi, anche associando un conto corrente bancario.

 


Proprio perché prodotti così popolari, sono molte le persone che nel corso degli anni hanno deciso di acquistarli, con la conseguenza che è facile ritenere sia elevato il numero di coloro i quali, o a causa di cambi di residenza o per decesso, non vengano raggiunti dalla comunicazione di Poste Italiane, rischiando per questo motivo di veder estinguere il proprio libretto.
Confconsumatori, pertanto, ritiene di rendere un servizio utile ai propri associati e a tutti i risparmiatori in genere, suggerendo di controllare attentamente i propri libretti postali e accertarsi dell’esistenza di libretti appartenuti a parenti, magari nel frattempo deceduti, al fine di verificare se si tratta di un prodotto che negli ultimi 10 anni abbia subito o meno movimentazione e possa quindi essere o meno considerato “dormiente”. 
Tali controlli sono opportuni in caso non si riceva da parte di Poste Italiane nessuna comunicazione specifica, al fine di non correre il rischio di perdere i propri risparmi o comunque di dover ricorrere a procedure di rivendicazione del contenuto dei libretti, che verranno spostati in un Fondo Consap del ministero dell’Economia. Per evitarlo basterà fare un movimento sul conto.