Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Pnrr, Cisl Viterbo: "Provincia convochi tavolo per garantire rispetto regole"

Beatrice Masci
  • a
  • a
  • a

“Grazie al Pnrr, nella Tuscia arriveranno molti soldi da investire. Chiediamo il massimo controllo su come saranno usati e soprattutto sul rispetto delle regole. Per questo motivo sollecitiamo il presidente della Provincia a promuovere un tavolo intorno al quale riunire forze sindacali e sociali”. Così il segretario della Cisl, Fortunato Mannino, che sull’argomento ha chiesto a Romoli di attivarsi. Molti i progetti in cantiere, dall’ammodernamento delle linee viarie e ferroviarie, alla manutenzione straordinaria che interessa i singoli comuni e che in alcuni casi ridisegna completamente le periferie, come nel caso di Viterbo: Santa Barbara, Carmine, tanto per citarne alcuni. Secondo la Cisl sono tre gli aspetti che necessitano di particolare attenzione: il rispetto dei contratti, la sicurezza e la sostenibilità sociale.

“I soldi per i progetti sono molti - argomenta il segretario della Cisl - e molte, di conseguenza, saranno le opportunità di lavoro. Ben vengano, ma è necessario vigilare che le ditte incaricate rispettino alla lettera i contratti nazionali di ogni singolo settore, perché la ripresa non può mettere in secondo piano i lavoratori. Il secondo punto è la sicurezza, chiediamo che vengano attuati, e soprattutto monitorati, i protocolli. Ogni ditta deve rispettarli e farli rispettare nel cantiere”. Un aspetto, questo, che porta Mannino a ricordare quanto sta avvenendo, ma soprattutto quanto avvenuto nei mesi scorsi, grazie al Superbonus: “I cantieri sono nati come funghi, spesso dall’oggi al domani. Non è certo facile controllare che tutti i protocolli di sicurezza siano rispettati. E invece occorre farlo”. Terzo, ma forse più importante capitolo, quello riguardante la sostenibilità. In questo caso non si parla di sostenibilità ambientale, sulla quale da tempo vigilano le associazioni ambientaliste, ma sociale.

“Facciamo l’esempio del Comune di Viterbo al quale, sul fronte dei progetti per il sociale, arriverà qualcosa come circa 5 milioni. Ma il discorso riguarda tutti i Comuni viterbesi che hanno messo in cantiere progetti sociali. Si tratta di iniziative che vedranno, in primo piano, la presenza delle cooperative. Noi chiediamo il rispetto dei contratti di lavoro, soprattutto per quanto concerne straordinari, riposi e tutto ciò che riguarda la contribuzione. Spero - conclude Mannino - che il presidente della Provincia risponda quanto prima a questa richiesta, si faccia garante e come tale convochi un tavolo di confronto aperto a tutti, forze sociali e sindacati. Non vogliamo sostituirci alla politica che ha il ruolo di promotrice dei progetti, ma il controllo spetta anche a noi e su questo punto non intendiamo derogare. Il tavolo di confronto deve, a nostro avviso, portare alla firma di un protocollo”.