Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Viterbo, sagra del pecorino e del salame cotto. Gran finale a Nepi

A. N.
  • a
  • a
  • a

Oggi, 15 maggio,  ultima giornata della Sagra del pecorino romano e del salame cotto. Ad affiancare queste due delizie tanti altri prodotti tipici della Tuscia e del Biodistretto, con le ricette tradizionali proposte a pranzo e a cena presso lo stand della Pro loco: la vignarola laziale (un piatto contadino a base di fave, carciofi e lattuga), la cipolla bianca al forno e le salsicce e le carni di maiale alla griglia fornite dai norcini locali.

 

Immancabili fave e pecorino. Un vero trionfo di sapori e profumi. Il pecorino romano dop – che ancora oggi prende vita nelle stesse località dove è nato, le campagne del Lazio – è una prelibatezza ormai rara, perché la gran parte della produzione è destinata ai mercati stranieri; dal sapore dolce e aromatico oppure piccante e deciso a seconda della stagionatura, può essere grattugiato o servito direttamente in tavola a nobilitare moltissime ricette.

 

Oggi la manifestazione proporrà il mercatino dell’artigianato e dell’hobbista, la gara nazionale di tiro con arco storico in costume a cura dell’Asd Arcieri Storici di Nepi, il concerto della fanfara dei bersaglieri e lasfilata di moda a cura dello staff di Miss Amerina. Attraverso il progetto Nepeasy i monumenti di Nepi apriranno al pubblico per delle visite gratuite.