Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, elezioni comunali. Convegno azzurro, il presidente della Provincia non ci sarà

Roberto Pomi
  • a
  • a
  • a

Alessandro Romoli con un piede fuori da Forza Italia? Non passa inosservata l’assenza del presidente della Provincia azzurro, almeno ancora formalmente, all’incontro organizzato dal partito alle Terme Salus per oggi.  Il titolo dell’appuntamento è “La difesa europea dalle parole ai fatti” e a intervenire saranno il commissario comunale, Giulio Marini, quello provinciale, Andrea Di Sorte, il senatore Maurizio Gasparri, il sottosegretario all’agricoltura Francesco Battistoni e il sottosegretario alla difesa Giorgio Mulé. In buona sostanza il più alto rappresentante istituzionale forzista del territorio non prenderà la parola. Per i più attenti osservatori (e non solo) della politica locale non si tratta di una casualità. 

 

 

C’è alta tensione tra Romoli e i vertici del partito, tanto a livello locale quanto sui tavoli romani. La linea berlusconiana è di lavorare per l’unità del centrodestra, indicazione che nel capoluogo della Tuscia è stata, da diversi personaggi, sistematicamente disattesa. Romoli di fatto governa la provincia all’interno dell’accordo con il Partito democratico di Enrico Panunzi e l’esperienza sul capoluogo della nascita della civica Viterbo Cresce - composta da azzurri in libera uscita, come l’ex sindaco Giovanni Arena e l’ex assessore Elpidio Micci - è il riflesso di quell’operazione. Tutte situazioni che, attualmente, risulta impossibile fare convivere con la linea nazionale di Forza Italia. 

 

 

Al momento Alessandro Romoli rimane dentro al partito e (non essendo candidato direttamente nella lista Viterbo Cresce) non rischierebbe l’espulsione come Arena e Micci ma tutto quello che accade, proiettato sullo scenario delle regionali del prossimi anno, lascerebbe ipotizzare ulteriori colpi di scena del giovane e politicamente scaltrissimo democristiano. Dall’Udc a Forza Italia il cambiamento poteva essere etichettato come normale. Ma se la strada futura di Romoli fosse dentro al Partito democratico?