Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, rifiuti speciali in un deposito. Maxi sequestro dei carabinieri forestali

  • a
  • a
  • a

Un impianto per la gestione dei rifiuti, situato sulla strada Commenda, è stato posto sotto sequestro da parte dei carabinieri forestali, mentre il legale rappresentante della società è stato denunciato. Tutti gli atti sono stati trasmessi in Procura, che potrebbe ora intervenire con una sanzione amministrativa. 

 

L’impianto in cui è avvenuto il blitz consentiva il deposito di rifiuti, pur non avendo più le necessarie autorizzazioni. Il legale rappresentante è di Montefiascone ma da tempo risiede a Viterbo.  L’attività dei militari si è conclusa con il sequestro di oltre 25.000 tonnellate di rifiuti speciali non pericolosi derivanti per lo più da demolizioni - ma contenenti oltre agli inerti anche plastiche, bitume, legno.

 


 

“Il settore della gestione dei rifiuti derivanti da demolizione - spiega una nota della Forestale - visto il forte impulso al settore edilizio derivante dalle agevolazioni statali, fa registrare una crescita della domanda di luoghi idonei al recupero dei rifiuti inerti, e i controlli effettuati dai carabinieri si propongono di prevenire e reprimere comportamenti illeciti che possano arrecare danno all’ambiente ma anche turbare la leale concorrenza tra le aziende del settore”.