Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, turismo. Congelata la candidatura Unesco di Civita di Bagnoregio

Roberto Pomi
  • a
  • a
  • a

I venti di guerra congelano la candidatura Unesco per il Paesaggio Culturale di Civita di Bagnoregio. La 45esima sessione del Comitato del Patrimonio Mondiale, programmata per quest'anno dal 19 al 30 giugno a Kazan, la capitale della repubblica russa del Tatarstan, è stata infatti rinviata a data da destinarsi. 

 

Doveva essere quello l'appuntamento per la valutazione dell’ingresso di nuovi siti e monumenti nella lista dei patrimoni dell’umanità e tra questi c'era appunto, come unica candidata italiana, la piccola Civita con la sua storia secolare di rapporto resiliente tra uomo e natura. A seguito delle pressioni internazionali per la guerra in corso in Ucraina, l'Unesco ha deciso per il rinvio. L'organismo internazionale ha preferito non cancellare né optare per un'altra città, per non inserire nuovi elementi di attrito a livello globale.  Già lo scorso marzo, a seguito dell'invasione dell'Ucraina, il ministro della Cultura britannico Nadine Dorries aveva espresso la sua perplessità nel permettere alla Russia di ospitare l'incontro, aggiungendo che la Gran Bretagna non avrebbe partecipato se l'Unesco non avesse cambiato idea. Alle parole della Dorries hanno fatto eco 46 delegati internazionali che, il 7 aprile, hanno inviato una lettera a tutti i membri del Comitato dichiarandosi contrari all'organizzazione dell'incontro in territorio russo. Il portavoce dell'Unesco, ha fatto sapere che le decisioni relative all'organizzazione dell'incontro sono prese di anno in anno dai 21 membri del Comitato del Patrimonio Mondiale di cui fanno parte, tra gli altri, paesi come la Cina, I'India e l'Arabia Saudita che non hanno preso posizioni contro la Russia.

 

 

La proposta del rinvio sarebbe infatti stata avanzata, a seguito della consultazione e dell'approvazione di tutti i membri del Comitato, dallo stesso Grigory Ordzhonikidze, ambasciatore Unesco per la Federazione Russa e dal 2019 presidente ad interim dello stesso.  Il contesto internazionale quindi frena il percorso di candidatura de Il Paesaggio Culturale di Civita di Bagnoregio su cui Comune di Bagnoregio e Regione Lazio, di concerto con il Ministero della Cultura hanno intensamente lavorato nell'ultimo anno.