Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, valore delle case. Il mercato del mattone premia i quartieri Santa Barbara e Paradiso

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Santa Lucia, Santa Barbara, Paradiso. Sarà per la beatitudine evocata dai nomi, fatto sta che questi sono oggi i tre quartieri che brillano di più nell’empireo del mercato immobiliare viterbese. Secondo i prezzi del mattone rilevati dal sito Immobiliare.it il quadrante più caro del capoluogo, è quello a est della città.

 

Nel mese di marzo una casa in questa zona costava 1.528 euro a metro quadro. A determinare i prezzi – lo sanno anche i sassi – è la legge della domanda e dell’offerta. Ciò significa che Santa Lucia, Santa Barbara e Paradiso sono i quartieri per cui è maggiore la richiesta. I motivi? Suggestione dei nomi a parte, sono difficili da individuare. Probabilmente ad attirare gli acquirenti è la modernità delle costruzioni. Modernità che non necessariamente fa rima con qualità architettonica e tantomeno con qualità estetica. Certo i gusti non si discutono, ma qualunque persona dotata di occhi e del minimo sindacale di sensibilità, di fronte all’alternativa tra Santa Barbara e San Pellegrino, non dovrebbe avere dubbi su dove “risieda” la Grande bellezza di Viterbo. Relativamente ai servizi e alla viabilità, soprattutto per quanto riguarda Santa Barbara – il più recente, il più popoloso ma anche quello cresciuto più disordinatamente dei quartieri viterbesi - c’è da stendere solo veli pietosi. Pure la sicurezza non è certo un punto di forza di queste zone. E’ vero che il centro storico, in particolare la zona del Sacrario e di San Faustino, sta diventando sempre più una terra di nessuno, ma è anche vero che Santa Barbara per decenni si è portata addosso la poco simpatica nomea di Bronx di Viterbo. Ma tant’è.

 

 

La seconda zona più cara del capoluogo è quella dei quartieri Murialdo, Grotticella e Carmine, dove una casa costa in media 1348 euro a metro quadro. Subito dopo, a un’incollatura, troviamo il quadrante Pilastro-Villanova Riello (1328 euro a metro quadro). Il centro storico meglio conservato d’Europa, e non certo per merito delle amministrazioni comunali che si sono avvicendate negli ultimi decenni, si colloca solo al 4° posto (1159 euro a metro quadro). A seguire troviamo le frazioni di Bagnaia, San Martino e Tobia (1090 euro), quindi il quadrante Monterazzano, Castel d’Asso, Tuscanese, probabilmente penalizzato anche dalla presenza della discarica (1016 euro). Chiude la zona Teverina-Grotte Santo Stefano, dove un appartamento costa in media 826 euro a metro. Sul fronte degli affitti il centro storico balza in testa con 7,06 euro a metro quadro al mese. Segue il quadrante Bagnaia-San Martino-Tobia (6,80), mentre la zona più economica per le locazione è quella del Murialdo-Grotticella-Carmine (6,42). “A marzo 2022 – spiega il sito Immobiliare.it - per gli immobili residenziali in vendita a Viterbo sono stati richiesti in media 1.250 euro al metro quadro, con una diminuzione dell’ 1,42% rispetto allo stesso mese del 2021 (1.268 euro/m²). Negli ultimi 2 anni, il prezzo medio all'interno del comune di Viterbo ha raggiunto il suo massimo nel mese di maggio 2020, con un valore di 1.270 euro al metro quadro”.