Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, niente fiera delle macchine agricole. Sindaci di Tarquinia e Civitavecchia ai ferri corti

Fabrizio Ercolani
  • a
  • a
  • a

È ufficiale: la fiera delle macchine agricole salta anche a Civitavecchia. Mercoledì, poco dopo le 8 di mattina l’autorità di sistema portuale ha annullato l’istanza del Pro Tarquinia. Venendo a mancare l’area del porto, ritenuta “imprescindibile, per organizzare l’esposizione del nucleo agricoltura” dall’ente organizzatore, arriva la decisione ufficiale.

 

La Pro Tarquinia invia una pec al Comune di Civitavecchia in cui comunica che “non si può dare seguito all’evento, alla luce delle difficoltà verificatesi nelle ultime ore”. Ne nasce anche una diatriba con l’intervento del presidente dell’autorità di sistema Pino Musolino, che direttamente dal Sea Trade di Miami ha tenuto a precisare. “L’associazione Pro Tarquinia non pensi di scaricare le proprie responsabilità e incapacità organizzative e amministrative sulle istituzioni, con un comportamento irriguardoso e inaccettabile”. 
Insomma una storia quasi infinita, che in primis ha fatto emergere attriti nei rapporti tra i Comuni di Tarquinia e di Civitavecchia. Intervenendo ad una web tv il sindaco Ernesto Tedesco aveva rispedito al mittente alcune accuse dando al sua versione dei fatti. “Ho ricevuto una pec dal sindaco di Tarquinia il 22 alle 19 di sera, in cui chiedeva la revoca della delibera. Gli ho risposto che avrei girato la comunicazione al segretario comunale e all’assessore. Non mi sarei mai immaginato tutto quello che sarebbe accaduto il giorno dopo nella conferenza stampa. In maniera avventata ha prospettato di andare in Procura se non veniva ritirata la delibera entro martedì; è un atteggiamento molto molto grave, ma che modo è. Le parole vanno pesate. Non è possibile che un sindaco dica ad un altro sindaco fai questo altrimenti io faccio questo. La querelle ha raggiunto dimensioni spropositate nei toni, nei modi e nelle forme, Ognuno ha il suo stile; io non ho quel tipo di stile”. 

 

Sull’acredine tra i due Comuni: “Credo di avere buoni rapporti con tutti, ma se dovessi ripercorrere alcuni passaggi del mio rapporto con Giulivi, nel tempo, si sono create due o tre situazioni che mi hanno lasciato un po’ perplesso”.