Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, soldi dalla Regione. Sette milioni in tre anni per la Tuscia

Massimiliano Conti
  • a
  • a
  • a

Dalla riqualificazione dell’Ospedale Grande degli Infermi a quella del borgo aquesiano di Trevinano, dal cofinanziamento delle nuove rotatorie sulle strade provinciali agli interventi di tutela del litorale tirrenico. Sfiora i 7 milioni di euro l’ammontare dei fondi destinati dalla Regione alla Tuscia, nell’ambito del programma triennale di interventi per la messa in sicurezza delle infrastrutture viarie e per la rigenerazione urbana. La ripartizione dei fondi è stata approvata dalla giunta regionale il 12 aprile. La maggior parte degli interventi sarà eseguita da Astral, il braccio operativo della Regione nel settore delle infrastrutture stradali e ferroviarie. Una fetta abbondante di questa torta riguarda la sistemazione e la messa in sicurezza delle strade comunali e provinciali. 

 

In particolare, un milione di euro andranno a finanziare già nel 2022 la manutenzione straordinaria e il rifacimento dell’asfalto ammalorato sulla strada regionale 312 Castrense, dal km 0+000 al km 38+900. Nell’ambito dell’intervento è previsto il rifacimento della segnaletica stradale. I comuni interessati sono quelli di Canino, Capodimonte, Cellere, Gradoli, Latera, Montalto di Castro e Valentano. Un altro milione e 150 mila euro, equamente distribuiti e sempre per l’annualità 2022, sono stati stanziati per la manutenzione straordinaria della viabilità nei comuni di Gradoli, Valentano, Farnese, Latera, Castel Sant’Elia e Orte. Ad eccezione dell’intervento di Valentano (150 mila euro), sono tutti lavori da 200 mila euro. Per la messa in sicurezza e la manutenzione straordinaria della strada comunale Fratta a Gradoli la somma stanziata è di 294 mila euro, mentre il miglioramento funzionale e la messa in sicurezza per i pedoni della viabilità comunale nel centro storico di Ischia di Castro costerà 320 mila euro. E ancora: 345 mila euro andranno a finanziare il rifacimento della pavimentazione con messa in sicurezza nonché il ripristino dell'impianto urbano del centro storico di Capodimonte; 385 mila euro per la messa in sicurezza con realizzazione di un muro di contenimento laterale della strada comunale Sannetro a Onano. Altri 200 mila euro riguardano la sistemazione delle strade comunali di Villa San Giovanni in Tuscia.

 

Interventi di manutenzione straordinaria e rifacimento dell’asfalto ammalorato sono previsti altresì sulla provinciale Tarquiniese, dal km 0+000 al km 4+536. Anche in questo caso è in programma il rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale e anche in questo caso la somma stanziata è di 200 mila euro.
Il cofinanziamento regionale per le rotatorie di competenza provinciale ammonta a un milione e 200 mila euro, di cui 155 mila per l’annualità corrente e il resto nel 2023.
Il progetto di valorizzazione dell’ospedale vecchio di Viterbo costerà 600 mila euro, stanziati interamente per il 2022, mentre alla realizzazione di uno studio di fattibilità per un progetto pilota di rigenerazione urbana nel borgo di Trevinano, affidato alla società Ptsclas spa, sono stati destinati 119 mila euro.
Nell’ambito del programma regionale è prevista anche la realizzazione di opere di collettamento e depurazione nei poli di Civita Castellana, Sutri e Vignanello (III lotto). Il finanziamento è di 368 mila euro, metà dei quali stanziati per l’anno 2023 e l’altra metà per il 2024. Altri 300 mila euro andranno all’Ater di Viterbo per interventi di ristrutturazione edilizia nelle case ex Gescal di Tuscania, mentre 117 mila euro finanzieranno un progetto per realizzare un fabbricato nella stazione Roma Nord di Faleri da destinare alla soffiatura sottocasse, ovvero alla pulizia dei treni.
Infine per la salvaguardia delle coste, nelle province di Roma, Viterbo e Latina, la Regione ha stanziato complessivamente 865 mila euro, da spendere interamente quest’anno.