Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Mare, sicurezza delle spiagge libere. In arrivo 132 mila euro per quelle di Tarquinia

Fabrizio Ercolani
  • a
  • a
  • a

In arrivo dalla Regione Lazio 132 mila euro per le spiagge libere di Tarquinia. La giunta ha approvato nei giorni scorsi una delibera con la quale la Regione si impegna a sostenere le spese necessarie che gli enti locali dovranno affrontare per assicurare l’accesso al mare senza rischi e garantire un’estate all’insegna del turismo sicuro e accessibile a tutti. Già negli anni passati Tarquinia era stata beneficiaria di due finanziamenti simili con i quali aveva acquistato quad, moto d’acqua, bagni pubblici e attrezzatura da salvamento.

 

Spiagge più pulite, sicure e accessibili: per il terzo anno di seguito, anche per l’estate 2022 sosteniamo i Comuni del litorale con uno stanziamento di 2,5 milioni per mettere in sicurezza le spiagge libere. La valorizzazione e la promozione del litorale laziale passano attraverso la fruibilità in sicurezza delle nostre coste. La Regione Lazio prosegue nell’impegno finalizzato a sostenere i nostri Comuni per il migliore avvio della stagione balneare 2022 e a investire sulla ripresa di un turismo responsabile e sostenibile, assicurando la fruizione delle spiagge, soprattutto quelle libere, nel pieno rispetto delle norme anti-Covid, spiegano Valentina Corrado, assessore al Turismo, e Paolo Orneli, assessore allo Sviluppo economico della Regione.

 

I fondi potranno essere usati dai Comuni per mettere in campo tutte le azioni che riterranno necessarie per garantire la valorizzazione e promozione economica del litorale attraverso la fruibilità in sicurezza delle spiagge libere, dei pontili in ormeggio e delle banchine. Potranno quindi essere finanziati gli interventi per la sicurezza dell’accesso alla spiaggia libera, le attività per la pulizia degli arenili, per l’igienizzazione e la sanificazione degli ambienti e delle attrezzature, i servizi di salvamento e le attività di vigilanza lungo le spiagge libere. L’erogazione dei contributi ai Comuni beneficiari verrà suddivisa in un anticipo pari all’80% e in un saldo pari al 20% del contributo riconosciuto. La realizzazione e la rendicontazione degli interventi ammessi si dovranno concludere entro il 30 settembre.