Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Digitale Lazio, Lombardi presenta piano a imprese di Viterbo e Rieti

  • a
  • a
  • a

"Il tema della sinergia tra Regione e sistema camerale è la chiave di volta per andare a traguardare efficacemente gli obiettivi ambiziosi che ci siamo dati e abbiamo compreso dentro l’agenda. Sono sicura che la strada del dialogo sia quella giusta, perché insieme possiamo vincere questa sfida". Lo ha detto l’assessora regionale alla Trasformazione digitale, Roberta Lombardi, presentando l’agenda digitale del Lazio 2020-26 alla Camera di Commercio di Viterbo e Rieti, nella seconda tappa del tour iniziato ieri a Frosinone.

"L’agenda digitale regionale vede tra i vari destinatari le attività produttive, per questo era doveroso venire a casa vostra anche per avere la possibilità di confrontarci dal vivo, oltre che attraverso il portale regionale dedicato, sui temi che vi riguardano - ha spiegato Lombard i-. Perché abbiamo concepito questo strumento come bidirezionale, dove i destinatari sono i produttori e i consumatori. Il processo di ascolto sarà permanente perché ogni anno, da qui al 2026, attraverso il portale dedicato ogni anno creeremo una finestra di due mesi per vedere se le azioni portate avanti fino a quel momento avranno trovato rispondenza sul territorio".

Cinque gli assi di intervento dell’agenda digitale: Infrastrutture abilitanti, Cyberscurity, Competenze e culture digitali, Accessibilità alla Tecnologia e Design dei servizi. Su queste aree possono rientrare «trasversalmente» anche i circa 300 milioni di fondi europei della programmazione 2021-2017 ma soprattutto "per la digitalizzazione di imprese e Pubblica Amministrazione sono previsti circa 105 milioni di euro complessivi di fondi Fesr 2021-27 - ha sottolineato Lombardi - di cui 40 milioni per l’adozione di soluzioni digitali da parte delle imprese; 10 per la digitalizzazione di imprese coinvolte nelle strategie di riqualificazione urbana; 10 per la digitalizzazione dei piccoli Comuni; 15 per la digitalizzazione dei servizi pubblici regionali e 25 per la digitalizzazione del patrimonio artistico e culturali".