Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, otto coltellate per un debito da 200 euro. Sangue nel quartiere Barco. Arrestato l'aggressore

  • a
  • a
  • a

Una lite per un presunto debito di 200 euro è finita nel sangue ieri pomeriggio, 10 aprile, al quartiere Barco. Un uomo di 54 anni è stato accoltellato da un 36enne e lasciato sanguinante all’interno della sua abitazione, un appartamento in via Ippolito Nievo. Tutto è avvenuto poco prima delle 18 quando il presunto aggressore, che nella tarda serata è stato portato in Questura dopo essere stato catturato nella sua abitazione in via Fratelli Gregori, si sarebbe presentato in casa dell’uomo chiedendo la restituzione di 200 euro. ne è nata una lite durante la quale il 36enne, Bruno G., ha tirato fuori un coltello ed ha ferito per 8 volte Pasquale C., vecchia conoscenza delle forze dell’ordine. Il 54enne sarebbe stato raggiunto da sei coltellate alla schiena, una alla gola e una alla mano.

 

L’uomo è stato lasciato sanguinante sul pavimento, ma è riuscito a chiedere aiuto. Le sue urla, provenienti dall’appartamento, sono state ascoltate dai vicini che hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivare le volanti della polizia e dal 118. L’uomo ferito era cosciente e, secondo quanto si è appreso, è riuscito ad indicare il nome dell’aggressore e a spiegare il movente della lite. E’ stato trasportato in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale Belcolle dove è stato ricoverato in prognosi riservata. Nella serata di ieri i medici stavano valutando se sottoporlo a un intervento chirurgico.

 

Il suo aggressore è stato rintracciato dalla polizia nel suo appartamento al Murialdo. E’ stato portato in Questura e arrestato con l’ipotesi di tentato omicidio. Il caso verrà seguito dalla squadra mobile. La vittima dell’aggressione come detto ha fornito una sua versione dei fatti che gli inquirenti devono ora verificare. Probabilmente sarà ascoltato di nuovo quando i medici lo consentiranno.