Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Elezioni comunali Viterbo, Arena scioglierà la riserva domani ma l'orientamento è verso i dem

 Il sindaco Giovanni Arena e l'assessore Alessia Mancini

Mattia Ugolini
  • a
  • a
  • a

Giovanni Arena tra il centrodestra e il Pd: entro domenica arriverà la decisione. L’ex sindaco sembra essere tornato dall’incontro romano con Antonio Tajani più indeciso di prima. Passare a sinistra e rischiare di terminare la propria carriera politica con una macchia indelebile - quella del tradimento proprio allo stesso Tajani, che lo aveva sponsorizzato nel 2018 - oppure digerire l’amaro boccone e ricandidarsi con gli stessi che, pochi mesi fa, decretarono la fine della sua amministrazione? Arena, trincerato dietro il silenzio stampa, fa sapere che deciderà tra oggi e domani.

Comunque, il fu primo cittadino non sarebbe uscito soddisfatto dalla riunione di martedì con Battistoni, pertanto rimarrebbe orientato verso il trasferimento ai dem. Tajani, giovedì, ha tuttavia ribadito che la linea di Forza Italia è una sola: restare nel centrodestra. Che però, a Viterbo è diviso in due, con Fratelli d’Italia da una parte e Lega e Fondazione dall’altra. Il vice di Berlusconi ha lasciato margine di scelta ai suoi, “concedendogli” di scegliere con quale delle due fazioni apparentarsi. Se in appoggio di Laura Allegrini (improbabile, dato che i meloniani non vogliono Giulio Marini) o di Fusco e Santucci, poco cambia: Forza Italia presenterà una sua lista, con tanto di simbolo. Considerato l’ostacolo Allegrini, Marini inizierà a trattare con Fusco e Santucci non appena Arena gli avrà comunicato la sua volontà, affinché si possa convergere su di un nome gradito da tutti. Ad oggi, in pole resta il profilo di Claudio Ubertini, spinto dalla Lega e da Fusco. L’ala romoliana, invece, è ormai pronta al cambio di casacca, con Lotti, Micci e Bugiotti che aderiranno al centrosinistra.

Fonti attendibili raccontano che si starebbero definendo i dettagli dell’accordo, in attesa che venga ufficializzata la candidatura di Alessandra Troncarelli, rimandata più volte a causa di diatribe interne. Ora che la querelle Azione-Cinque Stelle sembra essere risolta, l’annuncio dovrebbe essere solo una questione di tempo, fermo restando che le difficoltà di Barelli ed Erbetti nel reperire candidati sono tutt’altro che superate. Le liste dovranno essere presentate entro l’11 maggio, tra poco più di un mese. Non troppo tempo a disposizione, considerando che il centrosinistra e centrodestra - senza FdI - devono ancora scegliere chi sarà il loro candidato sindaco.