Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Carol Maltesi, pornostar uccisa e fatta a pezzi. Il primo film hard girato a Viterbo

  • a
  • a
  • a

“Io e Carol ci siamo lasciati quando stavamo rientrando da Viterbo a bordo della sua Fiat 500 di colore grigio. Siamo andati io e lei, ma siamo tornati con un altro attore. L’ho accompagnata a Viterbo perché lì doveva girare le sue prime scene hard”. Questo il racconto, riportato da Repubblica, del 43enne Davide Fontana, l’ex fidanzato della 26enne Carol Maltesi, attrice hard conosciuta come Charlotte Angie, che il bancario e food blogger milanese ha ucciso a martellate lo scorso gennaio nella casa della ragazza a Rescaldina, nel Milanese. Fontana, poi, dopo aver smembrato il corpo della giovane e averlo nascosto in un congelatore, lo ha gettato in quattro sacchi neri in un dirupo a Borno, in Valcamonica, dove è stato ritrovato lo scorso fine settimana.

L’uomo, arrestato per omicidio volontario e distruzione ed occultamento di cadavere, lunedì scorso nella caserma dei carabinieri di Brescia - dove si era presentato per fornire notizie sulla ragazza, scomparsa dall’inizio dell’anno - aveva confessato il delitto di fronte al pm Lorena Ghibaudo ripercorrendo, appunto, anche gli inizi della relazione con l’ex commessa, che nei mesi successivi, come raccontato dallo stesso Fontana, avrebbe deciso di intraprendere la carriera di attrice hard.

Le prime scene Charlotte Angie le avrebbe girate, forse nell’estate 2021 proprio nella Tuscia, dove i due arrivarono con l’auto di lei. Una storia finita proprio durante il viaggio di ritorno: “Nel corso della nostra storia Carol ha avuto altre relazioni - ha detto ancora l’assassino a carabinieri e pm -, ho continuato ad avere rapporti sessuali con lei sebbene la relazione fosse terminata".