Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, Civita di Bagnoregio sarà protagonista di Eurovision song contest

Roberto Pomi
  • a
  • a
  • a

Civita di Bagnoregio protagonista all’Eurovision Song Contest di Torino. Tre grandi serate di musica che saranno trasmesse su Rai Uno, con un seguito di pubblico da fare girare la testa. Lo scorso anno la finale è stata vista da circa 190 milioni di telespettatori in tutto il mondo. Alla competizione canora partecipano quaranta artisti di altrettante nazioni. L’esibizione di ciascuno verrà introdotta da una “cartolina” che vuol mostrare e far riscoprire all’estero una località italiana. 
“Civita con grande piacere sarà una delle 40 località scelte. Si tratta di un’occasione di promozione incredibile per il nostro territorio, una vetrina davvero straordinaria”. Queste le parole del sindaco Luca Profili

 

 

La Rai, con una squadra di duecento professionisti e ulteriori duecento tecnici, sta lavorando da settimane all’organizzazione della manifestazione. A ospitare il tutto, il Pala Alpitour di Torino, dal 10 al 14 maggio. Dopo 31 anni l'Eurovision Song Contest torna in Italia grazie alla vittoria ottenuta nel 2021 dai Maneskin in quel di Rotterdam. A rappresentare l’Italia sarà il duo vincitore dell’ultimo Festival di Sanremo composto da Mahmood e Blanco con la canzone “Brividi”. Sul palco salirà, in rappresentanza di San Marino, un altro italiano di grande caratura come Achille Lauro. L'ultima volta in Italia era stata Roma 1991 e prima ancora Napoli 1965. Si tratta dell’evento televisivo non sportivo più seguito al mondo. 

 

Il cronoprogramma prevede una prima semifinale fissata per martedì 10 maggio, una seconda semifinale in calendario per giovedì 12 e la finale di sabato 14 maggio. Tutti gli occhi del mondo saranno puntati sulla capitale sabauda e sulle bellezze d'Italia. 
Civita di Bagnoregio sarà quindi protagonista di un maxi spot, che contribuirà ad aumentarne la notorietà presso il pubblico nazionale e internazionale. 
Il tutto in un anno che potrebbe rivelarsi davvero straordinario perché il piccolo borgo sospeso è sottoposto a valutazione da parte di Icomos per entrare nella lista dei beni Patrimonio dell'Umanità.