Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, parco dei mostri di Bomarzo. Arrivano le fate volanti

Esplora:

Daniela Venanzi
  • a
  • a
  • a

Le fate volanti, le note Winx della ancora più famosa serie di cartoni animati, approdano a Bomarzo, e lo fanno in grande stile. A renderlo noto il primo cittadino del paesino viterbese, Marco Perniconi. “Nella giornata di venerdì, la direzione generale per la promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale ha richiesto la collaborazione del Comune di Bomarzo per la realizzazione del progetto digitale “Winx Club: la magia dell’Italia”, volto a raccontare la diversità e la ricchezza del patrimonio italiano nel linguaggio dei più piccoli”.

 


L’emozione per il sindaco di Bomarzo raggiunto al telefono è palpabile nonostante la distanza fisica. “Siamo felicissimi e orgogliosi di questa attenzione e non vediamo l’ora che il progetto parta. Tra l’altro questa richiesta per girare le scene della serie è arrivata dal Ministero senza alcuna partecipazione, come si fa in questi casi, ad un bando specifico. Per la nostra città significa aver lavorato bene e aver promosso il parco dei Mostri a livello internazionale. Se la società Rainbow, ha deciso infatti che Bomarzo era uno dei luoghi eccellenti e magici in cui poter girare le scene delle fate volanti, vuole dire che il nostro parco ha raggiunto una notorietà degna di nota. D’altra parte - continua a raccontare il sindaco Perniconi - insieme a Bomarzo ci sono altri sette nomi che la dicono lunga sulla scelta dei siti, si parla infatti di Su Nuraxi la Pelosa della Sardegna, delle isole Eolie, i sassi di Matera, il lago di Carezza delle Dolomiti, il Tempio di Valadier nelle Marche, e Sacra di San Michele in Piemonte. La compagnia è di tutto rispetto e questo per la Tuscia intera significherà un enorme ritorno in termini turistici da qui al prossimo futuro. La serie infatti verrà trasmessa sui canali social digitali della Farnesina e promossa nel mondo attraverso tutta la rete delle ambasciate, consolati e istituti italiani di cultura nel Mondo. La promozione - aggiunge ancora il primo cittadino di Bomarzo - non sarà solo per la nostra città, questa varrà infatti a ricaduta per tutto il nostro territorio, ormai il nome Tuscia è riconosciuto nel mondo e questo nuovo capitolo servirà a rafforzare il nostro come un comprensorio pieno di ricchezze e di storia. Come primo cittadino credo che la strada per risollevarci, per indirizzarci su un cammino di valorizzazione turistica è quella che più di altre apporterà benefici a lungo termine e un indotto economico occupazionale di non poco conto".

 


Grazie quindi alle fate volanti, un intero territorio verrà portato all’attenzione di tutto il mondo. Occasione d’oro che l’amministrazione di Bomarzo ha colto giustamente al volo.