Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, rapina al portavalori. Si avvicina la sentenza per il vigilantes

  • a
  • a
  • a

Si avvicina la sentenza per il processo per l’assalto al portavalori avvenuto più di 8 anni fa lungo la Superstrada. A fine marzo è stata fissata la discussione con la requisitoria del pm e le arringhe difensive. Nella stessa giornata potrebbe arrivare la sentenza di primo grado.

 

Nei giorni scorsi sono sfilati in aula altri 6 testimoni citati dalla difesa di Fabio Aglioti, cinquantenne di Civitavecchia, ex guardia giurata, che insieme ad altri 5 uomini il primo febbraio del 2016 avrebbe pianificato l’assaltato un furgone portavalori all’altezza dello svincolo Cinelli sulla superstrada, mentre viaggiava in direzione Fiumicino. Il 50enne è stato incastrato a distanza di 5 anni dalla rapina da oltre un milione di euro attraverso intercettazioni e verifiche, ottenute tramite le compatibilità dei match scaturiti dall’analisi delle tracce di Dna, prelevate sull’auto che fu utilizzata e poi abbandonata dai malviventi. A dare una sterzata alle indagini a ottobre 2019 alcune intercettazioni riguardanti un’altra inchiesta di cui si stava interessando la polizia penitenziaria all’interno del carcere di Mammagialla. In quelle conversazioni si capì che c’era un legame con l’assalto avvenuto qualche anno prima all’altezza di Cinelli e le indagini vennero indirizzate verso l’imputato.

 

Il 30 marzo saranno ascoltate le deposizioni degli ultimi tre testi citati dalla difesa e il 13 aprile al termine della discussione è attesa la sentenza.