Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, viaggio nei sotterranei di Orte per celebrare Pasolini

Esplora:

Sergio Nasetti
  • a
  • a
  • a

Orte, si terrà oggi, 6 marzo, una passeggiata nella città sotterranea e sulle scene del documentario “Pasolini e la forma della città”, andato in onda sulla Rai il 7 febbraio 1974, chiarissimo esempio di studio di antropologia urbana. L’evento celebra i 100 anni della nascita del regista e scrittore.

 

Ad accompagnare i partecipanti saranno, tra gli altri, Matteo Zagarola guida turistica e Silvio Cappelli autore del libro “Pier Paolo Pasolini: dalla Torre di Chia all’Università di Viterbo” e Sandra Valli, figlia del bidello Desiderio, detto Riccardo, di Chia, amico di Pasolini, che ha ben conosciuto il regista e scrittore durante tutta la sua permanenza nella frazione di Soriano nel Cimino.
L’appuntamento è alle ore 10 nel parcheggio in via del Ponte, poco distante dal campo sportivo Ciucci, dove il regista si recava spesso a giocare a pallone, e da qui si salirà fino a Porta San Cesareo. Da qui inizierà la visita della città in superficie e della meravigliosa “Orte sotterranea”. Alle 13 pausa per il pranzo. Nel pomeriggio proiezione del documentario girato da Pasolini a Orte nel 1974 (Palazzo Roberteschi durata circa 20 minuti) e successiva visita al museo delle Confraternite.

 

 


Nel filmato il regista Pier Paolo Pasolini spiega a Ninetto Davoli i motivi della sua scelta di riprendere con la macchina da presa, dall’attuale zona industriale di Orte, la “forma della città” per spiegare come alle diverse angolazioni e inquadrature particolari siano visibili costruzioni moderne che andavano a deformare il paesaggio.
“Io ho scelto una città, la città di Orte, cioè praticamente ho scelto come tema la forma di una città, il profilo di una città – disse Pasolini mentre azionava la telecamera –. Ecco, quello che vorrei dire è questo: io ho fatto un’inquadratura che prima faceva vedere soltanto la città di Orte nella sua perfezione stilistica, cioè come forma perfetta, assoluta, ed è più o meno un’inquadratura così… Basta che io muova questo affare qui nella macchina da presa, ed ecco che la forma della città, il profilo della città, la massa architettonica della città è incrinata, è rovinata, è deturpata da qualcosa di estraneo. C’è quella casa che si vede là a sinistra, la vedi?”
Per il Comune di Orte e a fare gli onori di casa saranno Ida Maria Stella Fuselli assessore allo Sviluppo Economico e Filippo Gianfermo assessore al Turismo patrocinatori dell’evento. La quota di partecipazione è di 10 euro a persona, i bambini non pagano ed è gradita la prenotazione. Info: Silvio Cappelli 3382129568 e Anna Rita Properzi.