Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, rapinano anziano fingendosi fruttivendoli. Paura a Bassano in Teverina: in due a processo

  • a
  • a
  • a

Si sarebbero finti fruttivendoli per rapinare un anziano con la scusa della cassetta di frutta in offerta. Ieri in aula è entrato nel vivo il processo a due uomini che il 21 giugno 2019 avrebbero derubato un anziano a Bassano in Teverina. L’anziano fu avvicinato da due individui a bordo di un furgoncino Fiat Doblò bianco. Uno dei venditori ambulanti scese dal mezzo e gli propose di acquistare una cassetta di frutta a 20 euro. Quando la vittima tirò fuori il portafogli, l’uomo glielo strappò dalle mani e si diede alla fuga risalendo sul veicolo.

 

Ma l’anziano non era da solo. Con lui c’era il nipote che prontamente riuscì a prendere il numero di targa. In seguito le indagini portarono a individuare un uomo di origini campane, che l’anziano riconobbe consultando il catalogo fotografico che gli operanti gli mostrarono. Dalle verifiche emersero a carico del presunto rapinatore precedenti analoghi e colpi messi a segno con le stesse modalità. I militari sentiti nel corso dell’udienza celebratasi davanti al collegio presieduto dal giudice Elisabetta Massini hanno spiegato che probabilmente si potrebbe trattare della coppia di rapinatori che ad aprile del 2018 con il medesimo modus operandi rapinarono e aggredirono un novantenne di Orte che si lanciò all’inseguimento del furgoncino per tentare di recuperare quanto precedentemente sottrattogli dai due uomini.

 

All’epoca il pensionato, che si costituì parte civile nel dibattimento contro i due presunti malviventi, uno dei quali nel frattempo venne a mancare, fu trovato privo di sensi e in una pozza di sangue in mezzo alla strada da alcuni automobilisti, mentre la sua auto era rimasta in sosta sul ciglio stradale ancora con il motore acceso e lo sportello del lato guida aperto. L’unico presunto colpevole fu poi scagionato dalle accuse in quanto la vittima non riuscì a individuarlo durante il riconoscimento all’americana, tra le immagini di sospettati che gli vennero mostrate. Si tornerà in aula il 7 giugno.