Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, ladri arrestati. Derubano automobilista mentre lo aiutano a cambiare la gomma forata

  • a
  • a
  • a

Viterbo, derubano automobilista mentre lo aiutano a cambiare la gomma forata. Arrestati due napoletani. Nelle giornate del 21 e 24 febbraio scorsi, agenti della polizia sezione reati contro il patrimonio della squadra mobile, coadiuvato dagli agenti della Questura di Napoli, ha proceduto all’esecuzione dell’ordinanza applicativa della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal gip del Tribunale di Viterbo nei confronti di due uomini residenti a Napoli, responsabili, in concorso, dei reati di furto aggravato e indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento.

 

I fatti risalgono a dicembre 2021, quando un anziano viterbese aveva denunciato di essere stato vittima di un furto perpetrato con la  tecnica del “foro della gomma”.  La vittima, uscendo da un centro commerciale, era stata avvicinata da un uomo, che, dopo avergli fatto notare che la gomma della sua autovettura era bucata, si era offerto di sostituire lo pneumatico; la persona offesa, poco dopo, aveva constatato che gli era stato sottratto il borsello, lasciato temporaneamente incustodito sul sedile lato passeggero dell’autovettura, poi rinvenuto dal personale della vigilanza di un altro esercizio commerciale di Viterbo, mancante di due carte di credito. Le carte di credito lo stesso giorno del furto  sono state utilizzate dai malfattori per effettuare acquisti per un importo complessivo di circa 3.000 euro.

 

I poliziotti, acquisiti i filmati del sistema di videosorveglianza dei centri commerciali dove erano stati effettuati gli acquisti, sono riusciti a risalire ai  due responsabili. Il 21 febbraio gli uomini della squadra mobile di Viterbo   si sono recati nel Capoluogo campano  ed a seguito di specifiche  ricerche e di una mirata attività info-investigativa,  svolta con gli operatori della squadra mobile di Napoli, sono riusciti a rintracciare e a trarre in arresto uno dei soggetti. L’altro, dapprima resosi irreperibile,  nelle prime ore di giovedì 24 febbraio si è spontaneamente costituito presso gli uffici di polizia. Entrambi, che annoverano   numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, sono stati associati presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale.