Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Viterbo, elezioni comunali. Romoli al lavoro per una lista di appoggio al Pd

Mattia Ugolini
  • a
  • a
  • a

Alessandro Romoli al lavoro per costruire una lista civica a sostegno del Pd. La clamorosa indiscrezione circola da giorni negli ambienti azzurri e dem, sebbene non siano ancora giunte conferme ufficiali. 
“Potrebbe essere un’idea se le cose dovessero prendere una piega ad oggi inaspettata. Al momento questa è una diceria, non stiamo lavorando su questo fronte”, confida al Corriere un esponente di spicco di Forza Italia. L’impressione che si ha, facendo una rapida ricognizione all’interno del gruppo berlusconiano del capoluogo, è che Romoli non starebbe agendo di concerto con il partito e, dunque, starebbe lavorando in solitaria. Per nome e per conto di chi, non è dato sapere. 

 

De facto, Giulio Marini afferma di essere concentrato sul suo compito, ovvero quello di ricucire lo strappo con Lega, Fratelli d’Italia e Fondazione, mentre il sottosegretario Francesco Battistoni starebbe sondando il terreno in vista di una risoluzione della crisi ad un tavolo, sia regionale o nazionale. Eppure, proprio mentre è in corso questa delicata mediazione con gli alleati, Romoli - esattamente una settimana fa - si è scagliato pesantemente contro l’ex maggioranza che sosteneva Giovanni Arena. La sensazione è che il presidente della Provincia non sia un sostenitore del rientro nella coalizione di Forza Italia. Ad alimentare questa voce è l’attuale situazione in casa Pd.

 

Dopo la diaspora dei moderati, l’ala panunziana ha preso il controllo del gruppo politico viterbese e ha incluso nel campo largo anche i pentastellati, capitanati da Erbetti, e i calendiani, rappresentati da Barelli. Queste due entità sarebbero in forte difficoltà nel reclutamento dei candidati per formare le liste, tanto che i rispettivi referenti starebbero pensando a una clamorosa unione che causerebbe notevole imbarazzo a livello nazionale, alla luce delle parole al vetriolo di Carlo Calenda nei confronti dei grillini. Enrico Panunzi, che vuole ad ogni costo la candidatura di Alessandra Troncarelli, deve fare i conti con la resistenza delle basi locali, soprattutto con quella di Ugo Sposetti, che spinge per Alessandro Mazzoli. Ad essere incerti sono anche i nomi dei candidati consiglieri, oltre a quello del sindaco: Francesco Serra ha comunicato di non volersi candidare, così come la stragrande maggioranza degli esponenti della “galassia Asl” presentatisi alle ultime elezioni con lui. Rimangono dunque Delle Monache, Ricci e Quintarelli, tutti gli altri sono da cercare. L’appoggio di Romoli sarebbe perciò di vitale importanza, dato che toglierebbe le castagne dal fuoco.